A Ginevra uno strano concept Fiat

da , il

    A Ginevra uno strano concept Fiat

    Fiat continua a guardare al futuro con determinazione. Dopo la Fiat RK Spyder Progetto Torino il gruppo torinese propone un’altro concept per stupire: verrà esposto al Salone dell’auto di Ginevra e la risposta del pubblico verrà valutata per determinare i piani futuri dell’azienda.

    Dopo la recente notizia che, stando alle previsioni, Fiat potrebbe recuperare il suo debito e raggiungere l’utile nel giro di 17 trimestri (4 anni circa), è fondamentale per il futuro dell’azienda che non vengano più commessi errori. Questo bel prototipo sembra sulla giusta strada: Il suo design è concepito per stupire. Le linee sono tutte arrotondate dando l’idea di un’auto più piccola di quanto non sia in realtà e più vicina ad un giocattolo che ad un mezzo di trasporto.

    Il frontale è dominato da una ampia presa d’aria trapezoidale al cui centro spicca il logo Fiat. Il cofano è solcato da una leggera bombatura ed è contornato dai gruppi ottici di forma triangolare in cui vi si trovano proiettori separati. La linea della fiancata e l’andamento del tetto, nella vista frontale di 3/4, ricordano un po’ la Nissan 350Z, coupè molto affermata nel mondo degli appassionati della guida. Vista da dietro, invece, ci si accorge della differenza, poichè in questa il lunotto è verticale e non inclinato. Inoltre cambia notevolmente anche il posteriore: gruppi ottici di dimensioni contenute bicolore con un bel design. Piacevole anche la scelta dei tubi di scarico triangolari cromati, integrati nel paraurti.

    Putroppo siamo fin troppo abituati a vedere begli spunti nei concept di tante case automobilistiche, Fiat in primis, da non sperare neppure che questo possa un giorno diventare un modello su strada.