NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Abarth 500 Assetto Corse: il ritorno in pista

Abarth 500 Assetto Corse: il ritorno in pista
da in Anteprima auto, Auto sportive
Ultimo aggiornamento:

    Bisogna fare un bel salto indietro nel tempo per rivedere nelle immagini scolorite di qualche rivista dell’epoca la foto sbiadita di una Fiat 500 Abarth, allora accanto all’identificativo del modello figurava anche la Casa torinese, impegnata in una gara di competizione.

    Corsi e ricorsi storici, visto che oggi sarà possibile riassistere al debutto della 500 Abarth al 10° appuntamento del Campionato Mondiale Turismo (WTCC – World Touring Car Championship),con la Abarth che ha presentato oggi a Monza la vettura, la stessa che sfoggia tutta la propria bellezza al Salone di Parigi e che anche domani vedrà nel circuito lombardo la migliore performance di un modello destinato a fibrillanti emozioni da parte dei presenti che assisteranno alle evoluzioni della vettura.

    La 500 Abarth Assetto Corse si presenta col suo motore di 1.400 cc. di cilindrata 16 valvole e ben 190 cavalli di potenza, cerchi in lega leggera da 17 pollici di diametro, colore rigorosamente bianco, assetto basso, numero identificativo relativo alla competizione, specchietti sportivi. Ecco come si mostra, fresca di costruzione presso il Centro Stile Fiat Group Automobiles ed elaborazione a cura del nuovo stabilimento Abarth di Mirafiori (Torino), la vettura che è tuttavia anche possibile avere in altre tonalità della carrozzeria, ad esempio, grigio pastello, con bande laterali Abarth di colore rosso, mentre per tutte le versioni è prevista l’adozione del paraurti allargato e completo di spoiler aerodinamico e di griglie serigrafate che sostituiscono le mascherine di plastica della versione di serie.

    Sul cofano, oltre ai classici ganci “ferma-cofano”,ritroviamo le due prese d’aria in carbonio che ospitano lo Scorpione.

    Posteriormente ci si accorge della presenza dello spoiler alare ed il doppio scarico oltre all’onnipresente logo Abarth e, per i nostalgici dei tempi che furono, ecco la banda rossa e quattro scacchi bianchi, proprio come sulla vincente versione Abarth 850TC degli anni 60.

    329

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Anteprima autoAuto sportive
    PIÙ POPOLARI