NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Accessori Mercedes, Active Body Control: come funziona [VIDEO]

Accessori Mercedes, Active Body Control: come funziona [VIDEO]

Ecco un interessante video in cui viene spiegato il funzionamento del sistema Active Body Control di Mercedes

da in Accessori auto, Mercedes, Video Auto
Ultimo aggiornamento:

    Sulla pagina YouTube della divisione statunitense di mercedes è stato pubblicato questo interessante video in cui viene presentato il sistema di sospensioni attive Active Body Control. Introdotto per la prima volta nel 1999 sulla CL, nel corso degli anni è stato aggiornato e migliorato notevolmente e ora è disponibile su gran parte dei modelli di alta gamma, oltre che sulle versioni AMG. Il comportamento dinamico dell’auto è fortemente condizionato dall’assetto. Se è troppo morbido il confort di bordo è garantito, ma l’handling ne risente parecchio. Al contrario con un assetto troppo rigido è vero che le prestazioni migliorano considerevolmente, ma a risentirne è la marcia su fondi sconnessi.

    Negli ultimi anni sono state molte le proposte da parte dei principali produttori per riuscire ad ottenere contemporaneamente buone doti di tenuta in curva senza penalizzare troppo il confort di marcia. Alcune case hanno adottato ad esempio il sistema di Delphi con sospensioni a controllo magnetoreologico. Il principio si base sull’introduzione di particelle ferromagnetiche all’interno dell’olio degli ammortizzatori che, una volta magnetizzate, aumentano la viscosità dell’olio stesso e di conseguenza irrigidiscono l’assetto. Il vantaggio del sistema è che l’azione può essere istantanea, a seconda delle preferenze e delle esigenze del guidatore.

    L’Active Body Control invece è un sistema ancora più complesso. Sull’auto sono montati 5 sensori principali che hanno il compito di rilevare tutti i movimenti e le sollecitazioni della vettura. Inoltre in ogni ammortizzatore è presente un sensore supplementare per dare informazioni sul livello di compressione dell’ammortizzatore stesso. I dati provenienti dai sensori vengono elaborati in tempo reale da una centralina elettronica dedicata che invia segnali ad una pompa idraulica ad alta pressione che nel giro di 10 millisecondi è in grado di variare il grado di assorbimento di ogni singola sospensione. Il vantaggio del sistema, oltre alla rapidità di funzionamento, sta nella possibilità di controbilanciare ogni tipo di movimento o sollecitazione. In questo modo la marcia risulta più confortevole e le doti di handling sono eccezionali. Certo, lo svantaggio di un sistema del genere è la sua complessità, tanto da renderlo pressochè off limits per un meccanico indipendente.

    346

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Accessori autoMercedesVideo Auto
    PIÙ POPOLARI