NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

ACI, servono incentivi auto per famiglie

ACI, servono incentivi auto per famiglie

Il presidente dell'ACI, Enrico Gelpi, afferma che sono necessari ancora degli incentivi auto statai ed europei per dare una mano al potere di acquisto delle familgie

da in Auto nuove, Incentivi Auto, Mercato Auto, Mondo auto
Ultimo aggiornamento:

    aci big

    ACI ha organizzato la 66^ Conferenza del Traffico e della Circolazione, a Riva del Garda. Il suo presidente, Enrico Gelpi, ha sottolineato che l’automobile continuerà ad essere il principale mezzo di trasporto della popolazione. L’affermazione è suffragata dal fatto che i dati la testimoniano: 800 milioni di veicoli, che diventeranno 2 miliardi, nel 2030. Uno dei problemi principali, piuttosto, resta quello dell’equilibrio fra il trasporto pubblico e quello privato. Un sistema di trasporto pubblico che non riesce a soddisfare la domanda di mobilità degli utenti.

    Per questo, continua il presidente ACI Gelpi, l’auto del futuro è necessaria. Ma per riuscire nell’intento, le famiglie medie italiane hanno bisogno di incentivi provenienti da un livello nazionale ma, anche, da un livello internazionale. Il riferimento alla UE è esplicito.


    Al convegno è stato presentato anche il rapporto intitolato “L’automobile del III millennio”, realizzato dalla Fondazione Caracciolo e dal Centro Studi ACI, che spiega come si stia diffondendo una nuova sensibilità, fra gli automobilisti, in merito ad un uso più responsabile della propria vettura. Costoro hanno ricevuto degli incentivi statali che le hanno convinte ad acquistare oltre 1,4 milioni di auto nuove, nel 90% dei casi in sostituzione dei veicoli più vecchi ed inquinanti. La conseguenza è che la diffusione di nuove autovetture può essere rilanciata soltanto attraverso misure di contenimento della spesa di acquisto e di gestione della vettura stessa.

    Intervenire, dunque, sia sui costi sia sui tributi, con una fiscalità più equa. Il bollo auto, per esempio, nell’attesa che venga abolito, deve tornare ad essere una tassa di circolazione e non di proprietà, pagata in base ai chilometri percorsi ed in base alle emissioni di Co2 prodotte.

    343

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Auto nuoveIncentivi AutoMercato AutoMondo auto
    PIÙ POPOLARI