Al Gumball 3000 ci scappa il morto, ma era tragedia annunciata

da , il

    Al Gumball 3000 ci scappa il morto, ma era tragedia annunciata

    E che prima o poi alla Gumball 3000, la particolare competizione senza regole, ci scappasse il morto era nell’aria e così è stato, infatti, un pilota impegnato nella difficile competizione ha centrato frontalmente un anziano e la moglie a bordo della loro Volkswagen Golf uccidendo il primo e ferendo gravemente la seconda e per di più, scappando senza prestare soccorso.

    Raccapricciante la dinamica dell’incidente, accertato che, pilota e navigatore viaggiavano sulla loro Porsche 911 ad oltre 200 orari all’interno di un centro abitato e rischiando di compiere una carneficina ancora più grave. I due sono stati arrestati dalla Polizia macedone, visto che il grave incidente s’è verificato a Struga in Macedonia, con l’accusa di omicidio colposo e, quanto mai, per i due, provvidenziale è stato l’intervento delle Forze dell’Ordine, atteso che i piloti stavano rischiando il linciaggio da parte della popolazione che ha assistito allibita al sinistro.

    Della Gumball 3000 abbiamo già parlato e, adesso, che è finita sotto la lente alimentando tutta una serie di polemiche e di critiche, ci si interoga sull’opportunità di autorizzare simili competizioni, visto che, di fatto, in questa sorta di tour che definire criminale è poco, si autorizzano decine di scalmanati alla guida di supercar e bolidi su strade normali con la sola raccomandazione di non esagerare con la velocità e rispettando i limiti imposti dal Codice della Strada vigente nei Paesi attraversati.

    Nei fatti, come ci si poteva aspettare, si assiste invece a derapate ai limiti del pensabile ed accelerazioni brucianti con vetture che già in prima marcia superano di due volte il limite di velocità imposto nelle autostrade. Insomma, una tragedia annunciata cui non si è voluto porre alcun rimedio e che ora, purtroppo sulla pelle di un innocente, è stata annullata; troppo tardi!