Motor Show Bologna 2016

Alfa Romeo 4C Spider: prova su strada, prezzo e scheda tecnica della mini supercar del Biscione [FOTO e VIDEO]

Alfa Romeo 4C Spider: prova su strada, prezzo e scheda tecnica della mini supercar del Biscione [FOTO e VIDEO]
da in Alfa Romeo, Alfa Romeo 4C Spider, Auto 2016, Auto nuove, Auto sportive, Cabrio e spider, Prove auto su strada
Ultimo aggiornamento: Venerdì 18/11/2016 11:32

    Nuova prova su strada di AllaGuida.it, ecco a voi l’Alfa Romeo 4C Spider. Se nella versione coupé risulta equilibrata nelle linee e davvero piacevole da vedere, la mini supercar del Biscione nella variante spider piace ancora di più e fa perdere la testa! Sarebbe più corretto però chiamarla Targa, visto che è rimovibile solamente la parte centrale del tetto, soluzione che consente di mantenere una maggiore rigidità torsionale e quindi privilegiare il piacere di guida. Per il resto è identica alla variante chiusa, eccezion fatta per i gruppi ottici anteriori carenati e per alcuni dettagli più piacevoli alla vista. Ma più che per l’estetica, la 4C si fa apprezzare proprio per l’enorme quantità di emozioni che riesce a trasmettere ai più smaliziati, grazie ad un telaio davvero ben fatto ed al motore turbo da 240 cavalli di potenza. Andiamo quindi a vederla nel dettaglio ed a scoprire come si è comportata nella nostra prova su strada.

    La guardi e te ne innamori. L’alfa Romeo 4C Spider è una di quelle auto che risveglia il cuore e la mente degli appassionati ed è più facile che piaccia follemente piuttosto che non trasmetta nessuna emozione. Da qualsiasi parte la si guardi, emana una notevole dose di dinamicità, grazie al disegno “aerodinamico” della carrozzeria che al frontale è evidenziato dallo scudetto del Biscione dal quale partono due nervature che vanno poi a segnare la fiancata. Rimanendo sul muso si fanno apprezza le griglie che compongono una sorta di bocca affamata di curve. Di serie per la Spider i già citati gruppi ottici anteriori carenati, forse più belli per alcuni ma meno originali di quelli “scoperti”. Nella vista laterale si resta quasi catturati dai grandi passaruota posteriori preceduti dalla presa d’aria necessaria per il raffreddamento del propulsore. Diversi i disegni di cerchi in lega selezionabili, con l’anteriore di un pollice di diametro sempre inferiore (le misure sono 17-18 e 18-19 rispettivamente davanti e dietro). La coda non lascia spazio ad esitazioni, fa capire subito di che pasta è fatta la piccola di Arese: bello lo spoiler sulla sommità del baule che ben si accoppia all’estrattore aerodinamico dal quale fuoriescono i due terminali di scarico che danno voce al 1750 TBi.

    Alfa Romeo 4C dimensioni

    Parliamo di dimensioni della Alfa Romeo 4C Spider. Vedendola in foto oppure dal vivo ma distante da altre vetture, difficilmente si direbbe che è grande più o meno come una Punto. Scheda tecnica alla mano, l’Alfa Romeo 4C Spider risulta lunga poco meno di 4 metri (per la precisione 3 metri e 99 centimetri), larga 1 metro e 87 ed infine “alta” 1 metro e 18 centimetri. alfa romeo 4c spider bagagliaio Parlare di capacità di carico in una vettura di questo segmento è quasi un eufemismo. Da sottolineare comunque che la capienza del bagagliaio rimane invariata rispetto a quello che offre la variante chiusa: 110 litri, che obbligano a procurarsi un comodo borsone morbido per poterlo plasmare alla forma del baule. LEGGI ANCHE: Alfa Romeo 4C Spider, tutte le info

    Alfa Romeo 4C Spider interni

    Ma andiamo finalmente a calarci all’interno della targa del Costruttore di Arese. Scopriamo quindi un abitacolo con rivestimenti ridotti all’osso, tutto è infatti votato al risparmio di peso (scuola di pensiero lanciata diverso tempo fa da Lotus). Molto belle alla vista le parti del telaio in fibra di carbonio che intensificano decisamente l’aria racing che si respira dentro la 4C, enfatizzata dai rigidi sedili con poggiatesta integrato. Il volante a due razze forse non è tra i più belli da vedere, ma si impugna bene ed invoglia a guidare (ricordiamo che manca il servosterzo). Dietro di esso troviamo il quadro strumenti composto da uno schermo a colori che varia il modo con cui visualizza le informazioni a seconda della modalità di guida prescelta tramite l’immancable leva DNA, dotata questa volta anche della più “estrema” configurazione Race. Non guardate troppo la consolle centrale, potreste provare ribrezzo per i comandi del clima derivati da quelli del Doblò e dimenticarvi per un secondo che questa Alfa è tutta da guidare. Abbassate quindi lo sguardo e sbavate sulla pedaliera in alluminio con i pedali incernierati sul fondo proprio come nelle auto da corsa. Nel tunnel centrale i comandi degli alzavetro, la rotella per la regolazione degli specchietti elettrici, la leva DNA, il pulsante delle quattro frecce, i tasti del cambio robotizzato e la bella leva del freno a mano. Non perdete tempo a cercare il cassetto portaoggetti, non è indispensabile e quindi non c’è (è stato sostituito da una tasca nella parte inferiore del cruscotto).

    Alfa Romeo 4C Spider motore e prestazioni

    Ma veniamo finalmente alla parte che davvero ci interessa di questa 4C, ossia la meccanica. Il telaio è composto da una leggera vasca in fibra di carbonio che consente di fermare l’ago della bilancia sotto la tonnellata (965 kg per la precisione). Gli appassionati della guida in pista apprezzeranno particolarmente l’avantreno, caratterizzato dalle sospensioni a quadrilatero trasversale che consentono notevole direzionalità all’anteriore e permettono quindi di capire sempre con precisione dove stanno andando le ruote davanti. Al posteriore troviamo invece un più comune McPherson che però fa sempre il suo lavoro. Tra gli optional non manca ovviamente un assetto con molle ed ammortizzatori irrigiditi, barra antirollio posteriore e quella anteriore maggiorata. Il cambio robotizzato è dotato anche di Launch Control, per partenze a fionda! Secondo noi però la Spider è la versione che maggiormente fa apprezzare la 4C. Portare al limite la piccola Alfa Romeo non è infatti cosa da tutti, con i controlli disattivati è richiesta una certa esperienza per controllare le sbandate. Col tetto aperto invece si può viaggiare in souplesse godendosi il paesaggio e tirando un paio di marce ogni tanto ma senza esagerare. Poi se avete manico, nulla vi vieta di fare tornanti con le ruote posteriori che implorano pietà. Il motore 1750 TBi da 241 cavalli e 350 newtonmetro di coppia (quest’ultimi disponibili da 2200 a 4250 giri al minuto) si adatta bene ad entrambe le modalità di guida. Dovete sempre tenere a mente però che non è comoda per un utilizzo quotidiano, per la mancanza del servosterzo e l’assetto che la rende nervosa sulle strade delle nostre città. La Casa dichiara un accelerazione da 0 a 100 in soli 4.5 secondi, una velocità massima di 257 chilometri orari ed un consumo medio di 14.5 chilometri con un litro.

    Alfa Romeo 4C Spider, test drive

    Basta chiacchiere. E’ arrivato il momento di salire a bordo della nostra Alfa Romeo 4C spider per la prova su strada. Il difficile arriva subito: salire in macchina si rivela impresa ardua, ancor più del previsto! L’altezza, anzi, la bassezza della vettura più l’ingresso abbastanza stretto diventano il nostro peggior incubo per oltre una settimana. Dentro però ci ripaga degli sforzi effettuati: la plancia è molto spoglia con pochi fronzoli, ma alla fine c’è tutto quello che serve. I sedili sono una chicca, rossi ed estremamente sportivi, come gli inserti in carbonio e la pedaliera, mentre il volante ci fa respirare aria da supersportiva. Giriamo la chiave, accendiamo il motore e partiamo. Alla prima sgasata sono già brividi sulla pelle. Il propulsore rimbomba in maniera veemente nell’abitacolo, è inutile parlare col collega viaggiatore, non si sente nulla. Appena schiacciamo l’acceleratore prendiamo il volo! Questa è una vera e pura sportiva, quasi una supercar: i 240 cavalli, che in fin dei conti non sono tanti, per soli 900 chili, la trasformano in una freccia sulla strada. Ci sembra veramente di guidare un’auto da pista: con lo sterzo bisogna combatterci anche in rettilineo, i freni Brembo ti fermano in un battito di ciglia. Ma soprattutto alla 4C piace guidare senza sbavature: si riesce ad andare in sottosterzo, ma la 4C sicuramente preferisce una guida pulita, come una vettura da pista. alfa romeo 4c spider prova su strada Ci notano tutti in giro, vuoi per la vettura non certo solita, vuoi certamente per il rumore che si fa sentire già da lontano. La 4C non è un’auto comoda, è tutt’altro che la vettura perfetta: non va bene per sbrigare le faccende quotidiane, men che meno per portare i figli a scuola. Soprattutto non per tutti: è scorbutica, senza servosterzo, nervosa. Ma se siete appassionati di auto e vi piace guidare è tutto quello di cui avete bisogno. Si fa pagare, è molto cara, ma se pensate che sia tanta roba, è cinque volte meglio di quanto possiate immaginare. Brividi ed emozioni, battito di cuore e soddisfazioni. Questa vettura è tutto.

    L’Alfa Romeo 4C Spider è venduta al prezzo di 75.500 euro ed è disponibile solamente con la trasmissione automatica robotizzata a doppia frizione a 6 rapporti. Di serie la levetta DNA (per variare la risposta di motore, cambio, controllo di stabilità e trazione), differenziale autobloccante meccanico Q2, cruise control, clima manuale, fari bixeno, radio cd/mp3 e vivavoce Bluetooth e sensori di parcheggio posteriori. Tra gli optional ce n’è di tutti i colori, facile lasciarsi ingolosire.

    1787

    Motor Show Bologna 2016

    ARTICOLI CORRELATI