Alfa Romeo Brera… non tutto è oro quello che luccica!

Alfa Romeo Brera… non tutto è oro quello che luccica!
da in Alfa Romeo, Auto nuove, Auto sportive, Coupè
Ultimo aggiornamento:

    brera

    Come non si fa ad ammettere che l’Alfa Romeo Brera sia una grande auto, evoluzione in chiave moderna di un coupè di classe dall’aria tanto elegante, con quel tetto di cristallo che la sovrasta e che, all’occorrenza, si fa da parte per affidare i nostri capelli al…. vento durante le scorribande su strada….

    Anzi, parliamo di una 2+2 posti fra le più attraenti presenti sul mercato, a cominciare dagli interni, con una plancia che riprende al meglio i toni propri della 159 e un livello di finiture fra i più alti in assoluto, così come l’auto è una delle più provviste anche in fatto di dotazione, comprese quelle di sicurezza, fra le emergenti del mercato.

    Potente il propulsore, un 6 cilindri di 3,2 litri prodotto da General Motors, leggero grazie al ricorso all’alluminio che concede alla Brera tutta la potenza dei suoi 260 cavalli che riesce a sviluppare.

    Però…. c’è un però! innanzitutto verrebbe da chiedersi, che c’azzecca un motore General Motors su una purosangue Alfa Romeo?

    E il dubbio che ci assale a questo punto è più che legittimo, perché Brera, se pur potente, non ha il brio e gli spunti, gli stessi che solo una “primadonna” del calibro di un’Alfa riesce a conferire; sette secondi per accelerare da 0 a 100 orari non sono pochi, certo, per una 1.700 chilogrammi di peso, ma ciò non significa che Brera non risenta forse di una certa sproporzione nel rapporto peso/potenza, perché parrebbe aver perso un po’ di quello smalto che siamo abituati a ritrovare su auto del genere e così anche i consumi restano fra i più alti nella fascia di appartenenza di quest’auto che non riesce mai ad andare oltre i 6/7 chilometri con un litro di carburante.

    La Brera è, comunque, una trazione integrale con eccellenti doti di stabilità e di assetto, grazie anche all’elettronica che comanda e regola il tutto, ma è indubbio che non si possono tacere pecche come quelle appena riscontrate e, allo stato dei fatti, difficile da rimediare.

    Altro dubbio che ci assale riguarda il prezzo che ci sembra un po’ eccessivo, se solo si considera che Brera parte da ben 44.000 euro e, questo, pensiamo la stia penalizzando parecchio nei confronti della concorrenza e sarebbe davvero un peccato se ciò accadesse fino a decretare un mezzo insuccesso di quest’auto che per il resto è sicuramente superlativa, perché la sportiva Alfa è una vettura capace di far emozionare sempre, nonostante tutto.

    444

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Alfa RomeoAuto nuoveAuto sportiveCoupè
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI