Motor Show Bologna 2016

Alfa Romeo Giulia Sportwagon 2017: render ed anticipazioni per la wagon del Biscione [FOTO]

Alfa Romeo Giulia Sportwagon 2017: render ed anticipazioni per la wagon del Biscione [FOTO]
da in Alfa Romeo, Alfa Romeo Giulia, Anteprima auto, Anticipazioni Auto, Auto 2016, Auto nuove, Berline, Rendering Auto, SW Station Wagon
Ultimo aggiornamento: Domenica 13/11/2016 11:29

    Alfa Romeo Giulia Sportwagon rendering by LACO Design_01

    Alfa Romeo Giulia Sportwagon 2017, ovvero la variante station wagon della berlina di segmento D. È una delle auto più attese degli ultimi mesi, fin da quando abbiamo visto per la prima volta la nuova Giulia berlina nel giugno del 2015 nella sua versione più pompata, quella Quadrifoglio rossa da 510 cavalli che ha fatto impazzire di gioia tutti gli amanti del marchio del Biscione. Ad oggi l’Alfa Romeo Giulia, la berlina del rilancio, quella vettura a trazione posteriore pronta a dar battaglia alle premium tedesche, è in vendita già da qualche mese e si inizia a vedere sulle nostre strade. In tanti, però, specialmente in Italia la vorrebbero in versione station wagon, per una maggiore capacità del bagagliaio. In un primo momento la casa aveva escluso categoricamente il suo possibile arrivo in variante familiare, ma adesso le cose sembrano essere cambiate.

    Le familiari oggi ricoprono una grande fetta di mercato in Europa, sarebbe un peccato per i vertici Alfa Romeo non pensare alla realizzazione di una station wagon. Inutile dire che fin da subito gli appassionati si sono sbizzarriti per creare alcune ipotesi di stile, per immaginarsi come potrebbe essere la nuova Alfa Romeo Giulia Sportwagon 2017. Le ipotesi, che potete ammirare nella gallery qui sopra, prendono spunto dallo stile della berlina e si nota come il frontale non abbia subito grandi modifiche in generale. Il frontale è come sempre grintoso, i gruppi ottici filanti, arricchiti da luci diurne LED dal disegno affilato, lo scudo a vista privo di listelli e le generose prese d’aria nella zona bassa, mostrano come la vera natura del marchio sia la sportività, rimarcata anche dai cerchi in lega associati al modello. Le caratteristiche cominciano a cambiare quando ci si sposta verso il posteriore, con un tetto leggermente spiovente e chiuso da uno spoiler, che svetta sul lunotto posteriore, abbastanza ampio e sviluppato orizzontalmente. I gruppi ottici sono i medesimi visti sulla berlina, così come per gli scarichi. Ma torniamo alla realtà. Dato che la Giulia è un’auto pensata per essere globale, per essere venduta in tutto il mondo, in un primo momento i vertici del marchio hanno escluso categoricamente il suo arrivo. Specialmente per il fatto che in America e in Cina sono le sedan a fare il grosso dei volumi di mercato. Tuttavia in una recente intervista, Reid Bigland, CEO di Alfa Romeo e Maserati, ha detto che tra i 9 nuovi modelli Alfa Romeo in arrivo ci sarà anche la versione Sportwagon della Giulia. E stando ai rumors sembra che la potremmo vedere in commercio già per la fine del 2017. Probabilmente per aumentare i margini di mercato in Europa si è valutato sugli effettivi costi di sviluppo e si è deciso di investire anche per una nuova station wagon. LEGGI ANCHE: Alfa Romeo Giulia 2016: le versioni Veloce, Advanced Efficiency e Q4 a trazione integrale [FOTO]

    Alfa Romeo Giulia Sportwagon 2014 render

    Il pianale, inutile dirlo, sarà sempre Giorgio, la piattaforma a trazione posteriore portata al debutto dalla Giulia berlina all’inizio del 2016. Parlando di motorizzazioni, per la versione station wagon è facile immaginare che venga proposta anche in questo caso una variante ad altissime prestazioni, la Quadrifoglio da 510 cavalli 2.9 litri V6 biturbo. Per il resto i motori saranno gli stessi della Giulia sedan: 2.0 turbo benzina quattro cilindri da 200 e 280 cavalli (in certi mercati anche da 350 cavalli) e 2.2 turbodiesel quattro cilindri in linea da 150, 180 e 210 cavalli (in alcuni mercati anche con 136 cavalli). Si potrà scegliere, proprio come per la Giulia normale, tra il cambio manuale a sei rapporti e l’automatico ZF ad otto marce, così come ci saranno anche delle versioni con la trazione integrale Q4 (in luogo di quella posteriore standard). Gli allestimenti quasi certamente rimarranno gli stessi: “Giulia” e “Super” pensati principalmente per la clientela privata, “Business” e “Business Sport” indirizzati alla clientela business. A questi si aggiungono le versioni più sportive “Veloce” e, probabilmente, “Quadrifoglio”. Per il comparto tecnologico non mancherà il Connect 3D Nav da 8,8 pollici e accorgimenti tecnici come le sospensioni attive, l’Integrated Brake System (IBS) (che consente di ridurre gli spazi di frenata) ed un peculiare equilibrio delle masse. LEGGI ANCHE: Alfa Romeo, il CEO Reid Bigland: 9 nuovi modelli entro il 2021

    834

    Motor Show Bologna 2016

    ARTICOLI CORRELATI