Alfa Romeo Mito: dettagli sullo stile

Alfa Romeo Mito: dettagli sullo stile
da in Alfa Romeo, Alfa Romeo Mito, Auto 2008, Berline
Ultimo aggiornamento:

    Parliamo ancora dell’Alfa Romeo Mito visto che ultimamente pare essere diventato il tormentone della primavera e dell’estate appena entrata.

    Per farlo ricordiamo come nel DNA della piccola sportiva di Arese sia entrato forte come un virus lo stile che è già della 8C Competizione e non poteva che essere così, attenti asservatori come siamo della progenie della vettura che si fa risalire al Centro Stile di Arese che ha ripercorso, pur non destituendo di alcuna personalità intrinseca la Mito, i tratti distintivi della più prestante 8C, si guardino i gruppi ottici posteriori, gli stessi paraurti anteriori a triangolo ed al particolare taglio dei finestrini per essere ricondotti senza difficoltà verso la grande sportiva italiana prodotta in un numero limitato di esemplari.

    Il resto della Mito gioca su un’armonizzazione complessiva delle forme, muscolose quanto si vuole ma al contempo dinamiche che ben si addicono al temperamento sportivo che si respira in quest’auto, a partire dalle grandi ruote, stessa cosa dicasi per i passaruota anch’essi generosi e non potrebbe che essere così visto i grandi cerchi di cui si avvale la Mito, idem per i gruppi ottici di profilo a goccia molto gradito agli occhi di chi la guardi, tutto creato per darci l’idea di una prestante sportiva più di quanto sia nella realtà.

    Anche l’aerodinamica è stata curata bene in questa vettura, fra le migliori in questo senso del momento e, infine, a rendere ancora più gradita la vettura concorrono i tanti colori disponibili dove a svettare è il rosso, tipico Alfa Romeo, un giusto riconoscimento ad un marchio che ha fatto del rosso fuoco la sua fortuna in passato.Senza dimenticare il bianco, in due diverse tonalità, ma anche il grigio, l’azzurro ed il nero.

    Bella e gradevolissima anche nel momento in cui si varca la portiera per accedere a bordo della Mito, dove l’abitacolo, curato moderno e sportivo non tradisce qualche velleità di tipo classicheggiante, insomma, difficile non capire anche da bendati che di un’Alfa parliamo e questo è un valore aggiunto per questa vettura che, sarà derivata sicuramente dalla Grande Punto ma, una volta saliti a bordo, e fatto scivolare un po’ il piede sull’acceleratore, anche per il sound del motore, sottolinea l’appartenenza netta alla Casa del Biscione.

    Tuttavia all’interno della Mito si è lavorato al meglio senza esagerare in fronzoli di nessun tipo, con una strumentazione piacevole pur nella sua essenzialità, che raggruppa al meglio i comandi del clima automatico, del sofisticato impianto radio/CD/MP3 e del navigatore satellitare per passare al tachimetro e al contagiri di forma rigorosamente circolare che ben si abbina con il resto degli interni in pelle Frau, anche se previsti come optional che, una volta in più ci convincono di come l’eleganza possa fare rima con la sportività e, in questo caso, anche con l’aggressività di un’auto destinata a fare proseliti e a riscuotere tanto successo.

    528

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Alfa RomeoAlfa Romeo MitoAuto 2008Berline
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI