Alla vigilia del lancio della nuova Nissan Altima ibrida, ci si chiede….

da , il

    Nissan Altima Ibrida

    L’occasione è stato il lancio della nuova Nissan Altima ibrida, per ribadire il concetto secondo il quale allo stato in cui siamo, dopo tanto parlare di vetture ibride, si cerca di capire fino a che punto il mercato sia pronto e, soprattutto maturo, per metabolizzare propulsori misti, come appunto gli ibridi.

    Allo stato delle cose, il mercato non è ancora maturo per questa tecnologia, almeno secondo i vertici Nissan e ciò in quanto, affinché ciò accada, al di là dei discorsi massimalisti circa il beneficio ambientale di cui, indubbiamente, sono capaci questi modelli, occorre che il pubblico ottenga da questi veicoli un riscontro immediato in termini economici, sia esso un risparmio sensibile di gestione per queste vetture o eventuali incentivi.

    Considerazioni importanti, quest’ultime, se solo si pensi che sono state pronunciate alla vigilia del lancio dell’ultima ibrida Nissan con motore a benzina a 4 cilindri di 2,5 litri con accoppiato un motore elettrico. Dichiarazioni che denunciano una grande maturità se solo si pensi che provengono da una Casa che da parecchio tempo ormai, s’è specializzata in questo settore a grande beneficio dell’habitat in cui viviamo.

    Viene da chiedersi come mai, se il problema è sentito così grandemente dalla grande industria non trova riscontro pieno, almeno come dovrebbe essere, anche da parte dei Governi mondiali.