Alpine Vision Gran Turismo: da concept virtuale a prototipo reale [FOTO]

L'Alpine Vision Gran Turismo da concept virtuale diventa reale in occasione dei 60 anni del marchio sportivo di Renault

da , il

    La Vision Gran Turismo alcuni di voi la ricordano sicuramente per averla vista nel videogioco Gran Turismo 6. Al Festival Automobile di Parigi è stato recentemente presentato un modello reale in scala 1:1, realizzato in occasione del 60° anniversario del marchio Alpine.

    Esteticamente troviamo uno stile tutto nuovo, mai visto in una vettura della Casa d’Oltralpe e che probabilmente potremmo rivedere in alcuni tratti di una futura Alpine stradale che farà tornare alla mente vetture come la A110.

    Lo sviluppo di questa concept per la Polyphony Digital Inc. (casa produttrice del famoso gioco di simulazione per PlayStation) è iniziato nel giugno del 2013.

    Tanti i riferimenti al glorioso passato di Alpine sulla Vision Gran Turismo. I più attenti avranno notato somiglianze a modelli come la A450, la A110, la A210 e la A220. La mano che ha creato le linee di questa concept è quella di Victor Sfiazof che fin da subito ha voluto “miscelare la passione per le auto col piacere di trovarsi dietro al volante”.

    Meccanica raffinata

    Sotto il design avveniristico trova posto un telaio in fibra di carbonio al quale sono collegato sospensioni pushrods (come quelle di McLaren P1 per capirci), con doppi triangoli sovrapposti, interamente regolabili.

    Il motore collocato in posizione centrale-posteriore è un V8 da 4.5 litri che eroga la bellezza di 450 cavalli a 6.500 giri al minuti ai quali si aggiunge la coppia di 580 newtonmetro disponibile già a partire da 2000 giri al minuto. La zona rossa è a 7500 giri mentre la velocità massima dichiarata è pari a 320 chilometri orari.

    Il peso ridotto a 900 chilogrammi è ripartito al 47% all’anteriore ed al 53% al posteriore, il serbatoio ha una capienza di 75 litri. Possente l’impianto frenante composto da dischi da 390 millimetri all’anteriore e 355 millimetri al posteriore sui quali agiscono pinze da 6 e 4 pompanti.