Salone di Parigi 2016

Apple e le trattative con McLaren: la casa di Woking smentisce

Apple e le trattative con McLaren: la casa di Woking smentisce

Allo stato attuale non esistono colloqui tra i due marchi, ciò non esclude ci siano stati nei mesi scorsi

da in McLaren, Mercato Auto, Mondo auto
Ultimo aggiornamento:
    Apple e le trattative con McLaren: la casa di Woking smentisce

    Apple e il mondo auto. Un binomio che ciclicamente torna a ripresentarsi. Questa volta è un’anticipazione del Financial Times ad accostare il colosso di Cupertino a McLaren. Discussioni mirate a un investimento importante da parte di Apple sulla casa inglese, ma non in un’ottica collegata alla Formula 1, quanto, piuttosto, immaginando i possibili benefici derivanti dalle capacità ingegneristiche e il know-how di McLaren Applied Technologies relativamente al progetto Titan.
    Andiamo con ordine. Apple è al lavoro da anni oramai su quella che tutti attendono come Apple Car. Un’elettrica realizzata in prima persona da Apple, con guida autonoma e che porti il mondo automotive su un altro piano rispetto a oggi.

    Un’idea che si è raffreddata col tempo, portando il marchio statunitense a ridimensionare le pretese, se così possiamo dire: limitarsi allo sviluppo di software e hardware da implementare su veicoli a guida autonoma. Le trattative con McLaren ci sono state, nei mesi scorsi, sebbene un comunicato di McLaren Technology Group abbia specificato che, oggi, non è in trattative con Apple. Hanno utilizzato il presente, aggiungendo che, per la caratura del brand, è normale che si abbiano colloqui con più protagonisti. Significa che un confronto con Apple c’è stato, ma non è proseguito fino a materializzarsi in un investimento o, come il Financial Times prospettava, fino all’acquisizione.

    Apple Car, il render

    McLaren sarebbe stato un partner importante per la tecnologia da impiegare nel progetto Titan, che ha subìto un netto rallentamento nei mesi scorsi, con la partenza di numerosi ingegneri che avevano seguito gli sviluppi sin dall’inizio. Da qui la scelta di ricalibrare su un sistema di guida autonoma l’obiettivo. Ed è possibile anche che l’interruzione dei colloqui con McLaren sia da collegare ai nuovi piani Apple, non più su un’auto realizzata in prima persona, bensì come fornitore di tecnologia e servizi.

    E’ certo che il marchio di Cupertino ha discusso con molte case automobilistiche, per andare oltre quella che è l’attuale presenza in campo automotive, ovvero, l’offerta dell’interfaccia Apple CarPlay per i sistemi di infotainment. Siamo solo all’ennesimo capitolo di una storia destinata ad arricchirsi di ulteriori passaggi, perché se la storia Apple-McLaren non si concretizzerà in una partnership, l’esigenza per la casa della Mela di legarsi a un protagonista dell’industria è indiscutibile. Gli ultimi rumors circolati volevano addirittura una collaborazione con Tesla. Prospettive tutte da valutare, anche alla luce della mega-multa da 14 miliardi di dollari comminata per aver beneficiato di un regime fiscale molto favorevole in Irlanda.

    469

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN McLarenMercato AutoMondo auto Ultimo aggiornamento: Giovedì 22/09/2016 12:09

    Salone di Parigi 2016

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI