Asfalto ecologico: arriva la strada energetica

Asfalto ecologico: arriva la strada energetica

Arriva l'asfalto energetico, quella particolare struttura in grado di trasferire energia al semplice passaggio di un'auto con un laborioso sistema di carica per pressione e sfregamento nell'assoluto rispetto dell'ambiente

da in Blocco traffico, Mondo auto, Sciopero benzinai
Ultimo aggiornamento:

    Asfalto

    E se anzicchè alimentare i serbatoio delle auto per farle marciare sulla strada, invertissimo il concetto delegando alla strada il compito di distribuire energia? Addio benzina, gasolio, petrolio e quant’altro oggi rende possibile viaggiare, con un’operazione ecologica senza precedenti nella storia: l’asfalto energetico.

    A questo risultato sarebbero giunti ricercatori israeliani dell’Università di Haifa, appunto in Israele, che avrebbero messo a punto un laborioso ed ingegnoso sistema che potrebbe iniziare la prima fase sperimentale a partire dal prossimo anno e che prevedrà un asfalto ecologico che, a mo di sandwich, terrà insieme una miscela di quarzo, sali minerali vari che, alla semplice pressione delle ruote di un’auto, visto che, sotto il suo peso entrerebbero in conflitto generando energia per sfregamento che verrebbe poi appositamente veicolata ed immessa ad apposita centrale che la raccoglierebbe per poi re-immetterla negli usi domestici e industriali, mobilità compresa.

    Un’idea tutt’altro che bizzarra, si pensi che il transito di 600 auto di un tratto di strada di appena 10 chilometri significherebbe una produzione di energia pari a 5 megawatt in grado di illuminare 1.500 appartamenti per un’ora; se solo immaginassimo il traffico veicolare dei giorni di esodo vacanziero avremmo molto più chiaro l’uso che di questa invenzione si può fare e, per giunta, in assenza di inquinamento.


    Gli israeliani hanno le idee molto chiare a tal proposito, dopo la fase sperimentale passeranno a quella applicativa che considera la possibilità di illuminare autonomamente le strade battute dalle auto che vi transitano e, poi, perché no, applicare la stessa procedura nelle piste aeroportuali; col grande peso e attrito generato da aerei in decollo ed in atterraggio si potrà illuminare l’intero aeroporto.

    330

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Blocco trafficoMondo autoSciopero benzinai
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI