Assicurazione RCA: rischio frode da assicuratore francese

avvisa: le polizze messe in commercio dalla compagnia assicurativa francese AGF, votre agente generale, non sono valide perché detto assicuratore è privo di autorizzazione

da , il

    Assicurazione RCA: rischio frode da assicuratore francese

    L’ISVAP ha pubblicato un comunicato con cui avvisa della circolazione sul mercato di polizze di responsabilità civile auto emesse da una compagnia assicurativa della Francia, non autorizzata all’esercizio dell’attività sul territorio italiano.

    L’agenzia in questione è la AGF, votre agente generale, M Jean Eric – 9 Rue Du Doctoeur Sigallasa – 83120 STE MAXIME.

    La truffa pare essere stata perpetrata soprattutto nella regione Campania, zona dove l’assicuratore transalpino ha già stipulato molti contratti assicurativi.

    Il vigilante italiano sulle assicurazioni private, che ha scoperto la frode in seguito alle segnalazioni ad esso inoltrate da numerosi utenti, ha richiamato l’attenzione sulle conseguenze che derivano dalla sottoscrizione di queste polizze fittizie: i contraenti si troverebbero senza copertura assicurativa, mentre gli intermediari accusati di svolgimento abusivo della professione, in quanto esercenti in Italia un’attività non autorizzata dagli enti competenti.

    Sempre l’istituto di vigilanza, con il medesimo comunicato stampa, si è appellato agli organi di divulgazione affinché, di questo fatto, sia data la massima e tempestiva diffusione. A tale scopo ha diramato i recapiti cui gli utenti possono rivolgersi per ottenere chiarimenti e informazioni: Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo, via del Quirinale 21 – 00187 Roma – telefono 06421331, fax 0642133206; oppure visitando il portale telematico dell’ISVAP.

    Infine ha ricordato che, prima della sottoscrizione dei contratti, è sempre opportuno controllare che le polizze assicurative siano intestate ad imprese autorizzate allo svolgimento della professione.

    Anche l’ACAM, l’autorità di vigilanza francese, è convinta che possa esserci un uso fraudolento dei certificati emessi dalla compagnia AGF.