Assicurazioni auto: ai Romeni costo maggiorato

Assicurazioni auto: ai Romeni costo maggiorato

Di recente un caso di aumento ingiustificato del premio assicurativo di una cittadina romena che lavora in Italia

da in Assicurazione auto, Associazioni Consumatori, Mondo auto
Ultimo aggiornamento:

    Assicurazione

    Assicurazioni auto ancora nel mirino dei consumatori. Stavolta non ci sono di mezzo compagnie fantasma e neppure comunicazioni discrepanti tra il Ministero del Tesoro e l’ANIA. Si tratta di un aumento, del tutto ingiustificato, che colpisce alcuni automobilisti che provengono da altre nazioni europee. Il caso di cui vogliamo parlare riguarda una cittadina di nazionalità romena che si è vista maggiorare la polizza RC Auto di ben 250,00 euro. Al momento del ritiro del talloncino, la barista romena ha notato un aumento del premio. Alla precisa domanda del perché, l’assicuratore avrebbe risposto che è contemplato un “rischio nazionalità”.

    Lo stesso ha poi spiegato che, per alcuni stranieri, è previsto un non chiaro “rischio nazionalità”, cosa inesistente se la cliente fosse stata francese oppure tedesca. Essendo romena però… Apriti cielo! Le associazioni degli stranieri in Italia promettono battaglia. La cosa, comunque, non è affatto un caso isolato, in quanto basta fare delle verifiche con diverse compagnie di assicurazioni auto per constatare che il cosiddetto rischio nazionalità esiste, eccome.

    Assicurazione
    Dal nord al sud, le compagnie applicano diversi costi in base alla nazionalità, costi maggiorati di un buon 15% se l’assicurato è di nazionalità romena. Tale pratica tuttavia è piuttosto comune, anche se non riguarda la totalità delle società assicurative. La domanda che balza alla mente è: le tariffe etniche sono legittime? L’Isvap, che dovrebbe vigilare sulle compagnie assicurative, sollecitata sul problema, preferisce tacere.

    Le associazioni di consumatori affermano che ogni compagnia ha diritto di applicare le proprie tariffe, depositandole però all’Isvap che, in seguito, dovrebbe disporre autorizzazioni.

    La compagnia, comunque, può tariffare in modo diverso, inventandosi una regola interna, in base ad una nazionalità e considerandola a maggiore rischio. Sta al cliente se accettare o meno, oppure rivolgersi ad altre compagnie assicurative. Dal punto di vista giuridico, infine, si può facilmente organizzare una battaglia legale, perché il fatto, in Italia, lede molti diritti. Infatti Eugen Terteleac, presidente dell’Associazione romeni in Italia, annuncia che farà una battaglia legale contro quella che chiama “una palese diseguaglianza”.

    406

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Assicurazione autoAssociazioni ConsumatoriMondo auto
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI