Audi Q7, un turbodiesel negli USA

L'Audi Q7 verrà commercializzato negli Stati Uniti d'America anche con propulsori a gasolio

da , il

    Audi 3.0 TDI

    Una notizia davvero curiosa sta facendo più volte il giro del mondo. A partire dal 2008, l’Audi Q7, il SUV della casa di Inglostadt, verrà commercializzato negli Stati Uniti d’America. La casa dei quattro anelli, dice la nota, si aspetta di avere buoni risultati nelle vendite.

    Siccome nel paese a stelle e strisce il diesel è utilizzato praticamente soltanto dai TIR, non si capisce né perché Audi abbia fatto una scelta simile, né in base a quali dati ci si aspetti di avere buoni risultati nelle vendite. La cosa ancora più incomprensibile è che di validi propulsori a benzina, l’azienda ne ha a disposizione di tutti i tipi e dimensioni: il range, infatti, va dal “piccolo” quattro cilindri da 1,6 litri e 115 cavalli al mastodontico V10 (marchiato Lamborghini ma montato anche sull’Audi S8) da 5,2 litri capace di ben 450 cavalli.

    Una decisione ancor meno comprensibile se si considera che negli “states” sono molto apprezzate le auto ibride e che Audi ha intenzione di realizzare una versione ad alimentazione mista benzina ed elettrica proprio per la sua Q7.

    La vettura è già in grado di superare i test sulle emissioni, che sono più rigidi rispetto a quelli europei, in 45 dei 52 stati della Federazione americana. Fondamentale, per il successo di questa operazione, è conquistare il pubblico californiano che da solo copre circa il 40% di tutte le vendite Audi negli U.S.A.