Motor Show Bologna 2016

Audi SQ7 Tdi con turbo elettrico: prestazioni, caratteristiche e prezzo [FOTO]

Audi SQ7 Tdi con turbo elettrico: prestazioni, caratteristiche e prezzo [FOTO]
da in Anteprima auto, Anticipazioni Auto, Audi, Audi Q7, Auto 2016, Auto di lusso, Auto nuove, Fuoristrada e SUV, Motori auto
Ultimo aggiornamento: Martedì 15/11/2016 16:33

    Ricordate l’esperimento del turbo elettrico? Si concretizza e diventare realtà, prodotto di serie, Audi SQ7, per farla breve. Il suv di Ingolstadt andrà a esplorare il territorio della sportività con un motore V8 turbodiesel sovralimentato da due turbo più un terzo pensato per azzerare il ritardo di risposta dal minimo e fino a 3000 giri/minuto. Da Ingolstadt con orgoglio lo definiscono “il SUV diesel più potente del mercato”, arriverà entro il prossimo autunno ad un prezzo base di 97.200 euro. 

    Audi SQ7

    La vecchia generazione di Audi Q7 poteva contare sul V8 Tdi da 4.2 litri e 340 cavalli, numeri buoni per fare i 242 orari e accelerare in 6″4 da zero a cento. Complice la drastica riduzione di peso apportata con il nuovo pianale, Audi Q7 in allestimento SQ7 cancella questi valori, potendo contare su un V8 4 litri biturbo da 435 cavalli. Immaginare quale possa essere la coppia mette solo in imbarazzo. Ben 900 Nm di coppia massima in un arco di giri tra 1.000 e 3.250. Com’è possibile aver abbassato la soglia massima di coppia praticamente qualche centinaio di giri al di sopra del minimo? Introducendo un compressore elettrico, attivato da una batteria agli ioni di litio da 48 volt, con un convertitore DC/DC che si occupa di metterla in comunicazione con la rete a 12 volt. E’ stato ribattezzato EAV il compressore elettrico, posizionato dietro l’intercooler e in posizione ravvicinata al motore. Propulsore che vede la sovralimentazione doppio stadio per i turbo attivati dai gas di scarico: il primo funziona in basso, il secondo ai regimi superiori per erogare la massima potenza. Sono attivati dai gas di scarico e separati dalle due valvole per cilindro. Ai carichi parziali una valvola resta chiusa, così da indirizzare i gas verso il turbo più piccolo, crescendo le richieste di spinta, invece, si apre la seconda valvola e fa fluire i gas verso l’altro turbo. Anche un albero a camme con doppia profilatura per ciascuna valvola interviene per migliorare l’erogazione della potenza. Le prestazioni assicurate da Audi SQ7 Tdi sono da sportiva: accelera in 4″8 da zero a cento, raggiunge i 250 km/h e consuma 7.4 litri/100 km nel ciclo misto. Il cambio è un otto marce automatico Tiptronic, collegato alla trazione integrale Quattro con differenziale centrale autobloccante. | LEGGI ANCHE: TURBO ELETTRICO, FUNZIONA COSI’ |

    Come funziona il turbo elettrico

    Il funzionamento del sistema è relativamente semplice. Due turbocompressori sono collocati a servizio delle bancate del V8 e attivati dai gas di scarico; un terzo turbo è collocato a monte, dopo l’intercooler e viene azionato da un motore elettrico così da generare il flusso necessario per attivare i turbo “principali” anche a regimi ai quali mancherebbe la pressione dei gas combusti per ottenere la spinta. L’opera di “supporto” nel generare il flusso d’aria si interrompe a 3000 giri/min, quando viene bypassato da un condotto dedicato unicamente ai gas di scarico. Lo stesso motore V8 Tdi-e 4 litri dovrebbe successivamente essere impiegato sulla Bentley Bentayga, suv del marchio inglese che condividerà il pianale con la Audi Q7.

    572

    Motor Show Bologna 2016

    ARTICOLI CORRELATI