Audi TT Quattro Sport Concept: tanta grinta al Salone di Ginevra 2014 [FOTO]

I tedeschi sono riusciti a sorprendere il pubblico mondiale al Salone di Ginevra 2014, presentando solo all’alba dell’apertura della kermesse la nuova concept car realizzata a partire dalla coupé TT

da , il

    E chi se l’aspettava questa nuova Audi TT Quattro Sport Concept? I tedeschi sono riusciti a sorprendere il pubblico mondiale al Salone di Ginevra 2014, presentando solo all’alba dell’apertura della kermesse la nuova concept car realizzata a partire dalla coupé TT. Nonostante la sua controparte normale, per così dire, sia stata svelata da pochissimo, quelli dell’Audi hanno voluto vitaminizzare la TT di terza generazione, per darle un look ancora più aggressivo. Non c’è Audi TTS che tenga, la nuova Quattro Sport Concept è qualcosa che spinge il limite ancora oltre. Ulrich Hackenberg, a capo del settore R&D Audi, ha commentato dicendo che “con la nostra Audi TT Quattro Sport Concept, vogliamo dimostrare quali siano le potenzialità della tecnologia che sta dietro alla nuova TT. Questa verrura è stata progettata per le corse, si tratta di un’auto estrema pensata per gli amanti del motorsports”.

    L’Audi TT Quattro Sport Concept viene equipaggiata dal 2.0 litri TFSI che normalmente equipaggia anche le TT tradizionali. L’unità, però, ha subito le cure dei tecnici di Ingolstadt che hanno portato la potenza massima fino a quota 420 cavalli, unita ad una coppia motrice di 450 Nm. Questo risultato ha richiesto una serie di modifiche, ovviamente, come ad esempio l’uso di speciali pistoni in alluminio con i canali del sistema di raffreddamento integrati o l’impiego di un albero a camme in acciaio ad alta resistenza. Grazie al suo peso estremamente contenuto (1.105 kg) ed al sistema di trazione integrale Quattro, la coupé dei Quattro Anelli riesce a scaricare al suolo la potenza con un’accelerazione da 0 a 100 km/h in soli 3,7 secondi. Il cambio è l’immancabile S Tronic Audi con doppia frizione.

    L’assetto della vettura è lo stesso della versione di serie, con sospensioni McPherson all’anteriore e Multilink a quattro braccetti al posteriore. Le sospensioni sono più basse e rigide rispetto alla taratura standard, un cambiamento necessario per adeguare l’handling ad una potenza così elevata. In curva la coppia viene ripartita in modo da sottrarre potenza alle ruote che perdono aderenza, rendendo la vettura più stabile e precisa. Per questa versione il controllo elettronico della stabilità ha una taratura meno invasiva, ma volendo lo si può anche escludere completamente.

    Estetica

    Tutta questa abbondanza di carattere meccanico non poteva essere lasciata a sè. Gli stilisti hanno quindi ridisegnato l’estetica dell’Audi TT, donandole più grinta. Specialmente il frontale guadagna in aggressività, complici le grosse prese d’aria con trama a nido d’ape. L’auto poggia su grossi cerchi in lega da 20 pollici di diametro, mentre delle scritte “420″ sulle fiancate ci ricordano la potenza espressa dal motore. Estremo anche il paraurti posteriore, con elemento inferiore in fibra di carbonio, che si accompagna alla perfezione all’alettone fisso. Non ci dobbiamo stupire se la futura Audi TT-RS possa includere un body kit simile a questo.

    Aprendo lo sportello e salendo a bordo, notiamo immediatamente che i sedili normali, i pannelli porta ed altri dettagli della versione borghese sono scomparsi. La strumentazione digitale, con il solito schermo TFT da 12,3 pollici, ha una nuova grafica, che si intona con il volante, ridisegnato ed arricchito di numerosi pulsanti aggiuntivi.

    Salone di Ginevra 2014, tutte le auto esposte