Motor Show Bologna 2016

Aumento targhe auto e moto: l’ennesimo “regalo” del Governo

Aumento targhe auto e moto: l’ennesimo “regalo” del Governo
da in Consigli e Guide
Ultimo aggiornamento:
    Aumento targhe auto e moto: l’ennesimo “regalo” del Governo

    Ogni volta che il presidente del Consiglio Matteo Renzi dice che ha diminuito le tasse, e lo dice un po’ troppo spesso, ci accorgiamo che qualcosa è aumentato. Dall’8 gennaio 2016 acquistare una targa per auto o moto costa un po’ di più. Non molto, circa il 2,8%, poco più di un euro, ma si tratta sempre di un aumento; inoltre una piccola cifra moltiplicata per tante volte (il numero totale di targhe vendute in Italia), fa una cifra grande. Si tratta comunque dell’ennesimo tentativo di raschiare il fondo del barile, ormai pieno di buchi.
    Mentre l’attenzione degli italiani era catturata principalmente dalle feste, pochi giorni dopo i salassi fiscali che ci avevano regalato i comuni, il 24 dicembre 2015 è stato pubblicato sulla Gazzetta ufficiale un oscuro decreto del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, firmato quindi dall’altrettanto oscuro Graziano Delrio, uno dei più fidi aiutanti governativi di Renzi.
    Tale decreto, firmato il 6 novembre quando l’attenzione nazionale era altrove, nel pieno del caos per l’approvazione parlamentare della legge di stabilità, fissa i nuovi prezzi per le targhe di autoveicoli e motoveicoli. In coda al decreto si prescrive che i nuovi prezzi entrano in vigore dopo 15 giorni dalla pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale, quindi l’8 gennaio.

    Il prezzo di una targa è fissato dal costo di produzione (che equivale al 54,6%) al quale si aggiungono l’Iva (22%) e una quota di maggiorazione, che per un’azienda privata sarebbe il margine di profitto. Tale quota corrisponde al 33,3%. Molte aziende farebbero carte false per avere margini simili. Certo, quando si è l’unico operatore per legge è molto più facile.
    Vediamo quindi quali sono i nuovi importi per acquistare le targhe. Non c’è differenza tra prima immatricolazione e rinnovo. Per il formato A, quello rettangolare, il più diffuso il prezzo finale di una coppia di targhe passa da 40,60 a 41,78 euro. Per le province di Aosta, Bolzano e Trento si paga di più, il passaggio è da 44,40 a 45,68 euro.

    Ma le province non erano state abolite? No, hanno abolito solo la possibilità per i cittadini di votare, mentre le tasse provinciali continuiamo a pagarle tutte.
    Una coppia di targhe di formato B, quello quadrato, passa da 40,23 a 41,37 euro. Nelle tre province suddette il passaggio è da 44.04 a 45,31 euro.
    La targa posteriore di un motoveicolo sale da 21,63 a 22,26 euro; nelle tre province autonome il passaggio è da 23,52 a 24,19 euro. Per i ciclomotori c’è una tariffa diversa, che ammonta a 13,58 euro in tutte le province.

    472

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Consigli e Guide

    Motor Show Bologna 2016

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI