Auto cinesi: lo sbarco in massa entro poco tempo

da , il

    La Ceo

    Che ci piaccia o no e, sicuramente non ci piacerà per niente, la Cina, tramite il suo importatore è pronta ad approdare con due vetture importanti, grazie alla rete ufficiale di vendita, che coinvolgerà anche l?Italia, per due modelli che, a dispetto di quanto qualcuno possa pensare, sono stati omologati secondo gli standard europei e si tratta di due vetture, Ceo ed Ufo, bene o male conosciute già.

    Le due auto sono prodotte da due aziende cinesi la Shuanghuan e Zhejiang Jonway ed hanno una caratteristica importante, quella di somigliare ?maledettamente? tanto alla BMW X5 che alla Toyota RAV 4, come dire siamo alle solite, con i cinesi, anche se hanno un vantaggio, queste due auto, quello di costare davvero poco, 30 mila euro per Ceo e 20 mila per Ufo, si pensi alla differenza di prezzo rispetto alle vetture cui traggono origine.

    Zhejiang Jonway Ufo

    Vibranti le proteste dei produttori delle auto originali cui si sono ispirati, per usare un eufemismo, i cinesi, i quali non sembra si siano troppo preoccupati di questo fatto, al punto che oltre a queste vetture starebbero per aggiungersene delle altre, una Smart cinese, la Bubble, che non si sa bene se però riuscirà a sbarcare in Europa, un simil Fiat Ducato, un pick up di nome Aster del costo di 15.000 euro ed un suv denominato GX6 molto simile alla Toyota Landcruiser.

    Conclusione, dovremo abituarci ad assistere a sempre nuovi debutti all?interno del nostro Continente? stante l?interesse che gli asiatici hanno per il nostro mercato, diremmo proprio di si.