Salone di Parigi 2016

Auto design: plagio sempre più frequente

Auto design: plagio sempre più frequente

secondo repubblica molte case si macchierebbero di plagio nei loro progetti di auto design; basti pensare alle code identiche della toyota prius e della honda insight o ai particolari in comune tra renault megane e la nuova porsche panamera

da in Carrozzeria-Auto, Curiosità Auto, Mondo auto
Ultimo aggiornamento:

    Gli auto designer sono chiamati a fare un solenne mea culpa. Per quale motivo? Vile plagio, tuona Repubblica.

    Secondo la penna di Vincenzo Borgomeo certe case automobilistiche si dovrebbero vergognare dei loro veicoli poco originali. Ce ne sarebbero tantissimi in giro, basterebbe fare un po’ di attenzione per accorgersene: dalla Porsche alla Toyota, dalla Renault alla Honda, tutti colpevoli.

    I centri stile secondo Repubblica non si limiterebbero a “sbagliare” bozzetto, ma perdurerebbero nell’errore, causa arroganza e ingenuità. Oppure, come suggerito, poca voglia di lavorare. “Ma dove passano il tempo questi?” si chiede Borgomeo, “su Facebook o sul solitario?” Perchè il design delle loro auto sembra fin troppo familiare. Osservate, per esempio, le code gemelle della Toyota Prius e della Honda Insight, con il parabrezza inclinato in vetro e il cofano che diventa un tutt’uno con il lunotto squadrato.

    Brutto e inutile, secondo il giornalista; il fatto che siano state lanciate contemporaneamente farebbe però pensare a una coincidenza… se proprio escludiamo il puro spionaggio industriale, aggiungerei io.

    Molto più rirpovevole sarebbe il caso della nuova Porsche Panamera, i cui sviluppatori ne avrebbero copiato e incollato linea del padiglione e gruppi ottici posteriori, prendendo spunto dalla Renault Megane. E ancora, Maserati Granturismo e Ford Mondeo.

    Ma tutta questa mala fede non sarà un pochino esagerata? Dopotutto le case sono costrette a seguire determinate regole universali nella costruzione delle loro vetture: l’aerodinamica è uguale per tutti, gli spazi standard frequentati da un’auto sono sempre quelli, l’abitacolo deve contenere sempre esseri umani e la meccanica s’inserisce in uno scheletro rimasto più o meno invariato da cento anni a questa parte. Senza parlare delle idee che si ripetono da millenni in ogni disciplina artistica.
    E allora? Forse la creatività ha dei limiti che Borgomeo non riconosce? Oppure le Case pagano degli auto designer svogliati e incompetenti?

    350

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Carrozzeria-AutoCuriosità AutoMondo auto Ultimo aggiornamento: Domenica 05/07/2015 10:19

    Salone di Parigi 2016

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI