Auto elettrica: General Motors fa da sé

General Motors produrrà in autonomia i motori elettrici che equipaggeranno le sue auto ecologiche

da , il

    Auto elettriche general motors

    Autoconsumo è la parola d’ordine per General Motors, che dopo aver impiegato le sue risorse nello sviluppo del settore dell’auto elettrica, decide di fare da sé in tutto e per tutto. Il colosso americano d’ora in avanti si occuperà da solo di equipaggiare le proprie vetture zero emissioni, costruendo dei motori elettrici presso le proprie strutture. Beh, le batterie le sa fare o almeno sembra (le ha costruite per la Chevrolet Volt), resta da vedere se tutto ciò che rimane da costruirvi attorno rientra nel suo know how. Di sicuro otterrà un abbattimento dei costi di produzione, grazie al fatto che non dovrà più rivolgersi a fornitori esterni.

    La casa ha segnato sul calendario il 2013 come l’anno che vedrà il debutto del primo propulsore elettrico interamente sviluppato presso i suoi stabilimenti. Il motore sarà utilizzato sia per animare auto elettriche al 100% che per equipaggiare veicoli ibridi; il suo primo utilizzo potrebbe essere contestuale al Two-mode Hybrid, ultima tecnologia GM in fatto di auto ibride.

    In poche parole consiste nel dotare ciascuna delle ruote posteriori di un motore elettrico, in modo da ricreare un’effettiva trazione integrale.

    General Motors ha così mantenuto la promessa stipulata con l’amministrazione Obama, che aveva accreditato nel suo conto 105 milioni di dollari allo scopo di mandare avanti la ricerca sul campo della mobilità sostenibile.

    In tutto il progetto ha visto l’impiego di un capitale di 246 milioni di dollari, tutti spesi bene, come commenta un portavoce della casa “per il nostro futuro“.