Auto elettrica, incentivi anche in USA

Gli incentivi statali per le auto elettriche arrivano anche negli USA

da , il

    auto elettrica

    L’auto elettrica comincia ad affacciarsi negli USA. Il Paese americano è conosciuto come uno dei Paesi produttori di petrolio e, per questo, non aveva mai sentito l’esigenza di risparmiare sull’oro nero. Le compagnie petrolifere statunitensi, inoltre, sono sparse su tutto il pianeta e l’approvvigionamento energetico americano non aveva limiti. Adesso, con la crisi internazionale, anche gli USA guardano con favore alla mobilità ecosostenibile: l’auto elettrica potrebbe essere vista con un occhio benevolo, in USA.

    Ne è consapevole, per esempio, lo stato del Tennessee, che offre un incentivo di 2.500 dollari per l’acquisto di un veicolo elettrico. L’incentivo riguarda l’accordo che lo stesso stato aveva stipulato con la casa d’auto giapponese della Nissan, per il suo modello Leaf. La marca giapponese, infatti, è un brand molto popolare in America.

    I suoi stessi dirigenti, del resto, ne sono consapevoli. Il Tennessee è uno stato che crede nella mobilità ad emissioni zero e gli incentivi che, adesso, promuove ne sono un segnale. Per esempio, l’impianto di auto di Smirne sarà costruito con un aiuto di 25 miliardi dollari, autorizzato dal Congresso. In base al Security Act, infatti, del 2007, ci sarà uno dei più grandi siti di produzione di auto nel Nord America.

    In base alle nuove prospettive, la Nissan conta di implementare di 1300 persone gli impianti futuri, responsabili della produzione di 200.000 batterie ogni anno. Una volta entrati in produzione, ci saranno almeno 150.000 veicoli elettrici che usciranno dalle catene di montaggio.