Auto elettriche: arrivano i fondi della Commissione Europea

La Commissione Europea ha stanziato 23 milioni di euro per lo sviluppo della mobilità elettrica nel Vecchio Continente

da , il

    auto elettrica unione europea

    La Commissione Europea ha stanziato un fondo di 23 milioni di euro per lo sviluppo dell’auto elettrica. L’ingente finanziamento andrà a coprire il fabbisogno di un progetto pilota collettivo. Tutti gli operatori del settore – produttori di componentistica, case automobilistiche, aziende di rifornimento e produzione di energia, enti pubblici e territoriali – sono invitati a presentare le proprie idee per la standardizzazione delle infrastrutture europee dedicate alla mobilità elettrica.

    Le auto elettriche hanno bisogno di un’azione congiunta per diventare presto realtà ed entrare a far parte del mercato a tutti gli effetti. Il primo passo, secondo la Commissione Europea, è armonizzare le prese e i vari attacchi (cosa che con i cellulari non è mai avvenuta).

    Hanno accolto favorevolmente la proposta 50 responsabili delle industrie europee di produzione dell’energia, che s’impegneranno a seguire un canovaccio comune nello sviluppo delle tecnologie afferenti all’auto elettrica. Stesse premesse anche per la creazione di un network di ricarica adeguato, valido per tutti i marchi auto e sufficientemente “denso” da permettere una diffusione serena della mobilità elettrica.

    Per quanto riguarda la produzione dell’energia, questa dovrebbe essere assicurata da fonti rinnovabili altrimenti la convenienza ambientale delle auto elettriche si tradurrebbe in un inquinamento sommerso difficile anche da quantificare.

    Secondo un rapporto di Green Peace, infatti, se l’energia necessaria per far funzionare un parco auto alimentato a batterie provenisse da fonti non rinnovabili, la diffusione della catetgoria potrebbe tradursi in aumento effettivo delle emissioni nocive.