Auto Ibride: una tonnellata in meno di C02

da , il

    Auto Ibride: una tonnellata in meno di C02

    L?auto ad emissioni inquinanti pari allo zero sta sempre di più divenendo realtà e, in questo ambito, c?è poco da fare, leader indiscussi verso la corsa all?auto pulita restano sempre loro, i giapponesi, con Toyota in testa.

    E se, come abbiamo già detto, Toyota Prius è stata già venduta in 700 mila unità, la strada per convincere la gente a rivolgersi ad auto ibride è ancora lunga da percorrere è soffre di troppe remore da infrangere, una per tutte, che l?auto con questa propulsione è una vettura lenta e solo per la città.

    Sbagliato, le auto ibride hanno un rendimento paragonabile a qualsiasi altra auto in quanto il propulsore viene ottimizzato visto che il motore elettrico può essere, tranquillamente, affiancato a qualsiasi altro motore, benzina o diesel.

    Basterà infatti prendere un propulsore, accoppiarlo ad un motore elettrico alimentato con batterie al nichel-metal-idruri e il? gioco è fatto; i due motori operano in perfetta sintonia, ma controllati da apposita centralina elettronica in grado di stabilire quando dovrà lavorare il primo e quando il secondo.

    Il solo fatto che in città operi il propulsore elettrico, ad esempio di una Prius, che percorra 25 mila chilometri all?anno, significa immettere nell?aria 1.000 chilogrammi in meno di C02, rispetto ad analoga vettura alimentata a benzina o diesel di pari dimensioni, peso e potenza.

    Alla luce di tutto ciò, può non stupire, dunque, il ruolo primario di Toyota nella produzione di auto pulite, ancor di più in un momento in cui siamo quanto mai interessati al problema dell?inquinamento del globo, apprendere che la Casa giapponese è, oggi, la prima industria automobilistica al mondo in fatto di produzione e vendita, oltre a non sbalordirci, ci fa rendere conto di come il Giappone in primis abbia fatto della tutela ambientale, il principale obiettivo da raggiungere.