Auto per neopatentati 2014: caratteristiche, cilindrata e calcolo del limite

Auto per neopatentati 2014: caratteristiche, cilindrata e calcolo del limite

Ecco le caratteristiche delle auto per neopatentati secondo la normativa vigente

da in Auto Neopatentati, Codice della strada, Consigli e Guide
Ultimo aggiornamento:

    In Italia, a differenza di altri stati, la normativa relativa ai neopatentati è abbastanza restrittiva e vincolante. Esistono delle limitazioni generali relative ai possessori di patente A o B, e della limitazioni specifiche riguardanti i soli possessori di patente B. La limitazione generale contempla che i titolari di patenti A2, A, B1 e B non possono nei primi 3 anni di guida circolare a velocità superiore a 100 km/h nelle autostrade e a 90 km/h sulle strade extraurbane principali. Tali vincoli sono imposti a prescindere dalla cilindrata e dalla potenza del veicolo. La limitazione specifica per i possessori di patente B prevede, inoltre, che il primo anno di guida i neopatentati non possono guidare autoveicoli aventi potenza specifica (in relazione alla tara, superiore a 55 kW/t e potenza massima pari a 70 kW nella guida di veicoli di categoria M1 (destinati al trasporto di persone con posti a sedere non superiore a 9, conducente compreso).

    Verifica dei requisiti

    Tutto dunque ruota fondamentalmente attorno al rapporto peso-potenza. In generale i requisiti di cui sopra possono essere verificati consultando la carta di circolazione oppure sul sito internet “il portale dell’automobilista”. Per il calcolo della potenza specifica (PS) bisogna dividere la potenza in kW per la tara del veicolo (espressa in tonnellate). A seconda del risultato sarà possibile stabilire se l’auto in esame può essere guidata o meno dal conducente neopatentato. Vi sono però delle deroghe alla normativa. Le limitazioni, infatti, non vengano applicate qualora il neopatentato sia alla guida di un veicolo al servizio di un soggetto diversamente abile, a condizione che questo sia munito di contrassegno di circolazione e sia a bordo del veicolo stesso.

    Sanzioni

    Diverse sono le sanzioni per i neopatentati che contravvengono alla normative di riferimento.

    L’art. 117, comma 5, CDS prevede una sanzione amministrativa del pagamento di una somma da 160,00 a 641,00 euro (160,00 entro 60 giorni e 320,50 dopo il 60° giorno) per il titolare di patente A2, A, B1 o B che nei primi tre anni dall’ottenimento della patente supera i limiti di velocità vigenti. Stesse sanzioni vengono applicate al titolare di patente B che entro un anno dall’ottenimento della stessa guida veicoli ad elevate prestazioni, e al minore autorizzato alla guida accompagnata che guida veicoli con elevate prestazioni. La violazione, nei tre casi appena citati, comporta anche la sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente di guida da 2 a 8 mesi e il concorso di altre sanzioni, prevista dall’art 142 c.d.s, in materia di limiti di velocità.

    457

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Auto NeopatentatiCodice della stradaConsigli e Guide
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI