Auto: queste le più brutte!

Esiste anche una classifica all'incontrario, quella che ha effettuato il Sole 24 ore chiedendo ai lettori quali fossero secondo loro le auto più brutte della storia ed è stato un massacro!

da , il

    Auto: queste le più brutte!

    Si può fare una classifica all?incontrario? E perché no, era già stata fatta e adesso si cimenta Il Sole 24 Ore che nella sua edizione on line ha chiesto ai lettori quali, secondo loro, era, è stata oppure è l?auto più brutta del? ?reame?!

    E così scopriamo, ma non è proprio una sorpresa, che a ?vincere? la lista delle brutte ci pensa l?Alfa Romeo Arna, un?auto che negli anni 80, in tempi di crisi dell?Alfa, la Casa automobilistica realizzò sulle ceneri dell?Alfasud, chiedendo alla Nissan di realizzare la carrozzeria derivata dalla già orribile Cherry. L?auto non ebbe fortuna anche perché ci si mise forse una pubblicità fuori tempo per questa vettura che, ingloriosamente, chiuse anzitempo il suo corso vitale.

    Ma di auto brutte non ne sono mai mancate, la Fiat Duna è stata giudicata dai lettori orripilante e così la stessa auto vissuta nel medesimo periodo dell?Arna, non ripetè il successo della Fiat Uno dalla quale derivava anche se brasiliana e il tentativo della Casa torinese che voleva realizzare una Fiat Uno tre volumi fallì miseramente.

    Eppure l?Arna, che si è beccata il 16% delle preferenze contrarie, non è seguita per nulla a ruota dalla Duna ma dalla vecchissima Citroen Ami 6 riferita agli anni settanta con il 14% di preferenze, seguita dalla attuale Saangyong Rodius col 12% che, sinceramente non pensavamo ricevesse un simile trattamento dai lettori e subito dopo ecco la Fiat Duna con il 4% delle preferenze.

    A questo punto la lista segue passando per semplici prototipi che non videro mai la luce e per vetture che, sbagliando, si paragonano a modelli recenti nonostante fossero sul mercato 30 anni fa. Per rimanere nel recente, i lettori hanno bocciato anche la Ford Orion e non a torto, vista la disarmonicità di quest?auto a causa del terzo volume antiestetico al massimo. Per il resto che dire, molti di quei modelli scartatati dalla stragrande maggioranza dei lettori hanno avuto i loro seguaci, come dire, ?de gustibus non est dispuntandum?!