Auto rubata: furto, denuncia e assicurazione. Cosa fare?

Quando si subisce il furto della propria auto bisogna essere tempestivi, denunciare l'accaduto alle forze dell'ordine ed informare l'assicurazione. In questa guida vi segnaliamo alcuni passi da seguire per la vostra auto rubata, con furto, denuncia e assicurazione.

da , il

    Auto rubata: furto, denuncia e assicurazione. Cosa fare?

    Auto rubata: furto denuncia e assicurazione. Cosa fare? – Qualcosa che non dovrebbe mai succedere, ma che quando accade lascia senza parole e pieni di sconforto. Avere a che fare con il furto della propria auto è un’esperienza che nessuno vorrebbe mai affrontare, ma che potrebbe accadere. Dopo un primo momento di smarrimento, di rabbia e di frustrazione bisogna reagire ed il primo passo è quello di recarsi della Forze dell’Ordine e presentare denuncia di furto. Ci si può recare alla polizia o ai carabinieri specificando nel testo della denuncia il numero di targa del veicolo e se sono stati rubati anche il certificato di proprietà cartaceo (CdP) e/o la carta di circolazione. La denuncia può essere presentata dal proprietario del veicolo o da una qualsiasi altra persona.

    Auto rubata: Dopo la denuncia cosa fare?

    Il secondo passo è richiedere all’unità territoriale dell’ACI, Pubblico Registro Automobilistico (PRA), la registrazione della perdita di possesso del veicolo. Questa richiesta, presentata dal proprietario del veicolo o da altro soggetto munito di delega, e identificato tramite un documento di identità/riconoscimento, è indispensabile per sospendere l’obbligo di pagamento della tassa automobilistica, il bollo auto. Il PRA rilascerà un nuovo Certificato di Proprietà Digitale (CDPD).

    Avvisare l’assicurazione

    Entro 3 giorni dal furto bisogna comunicare il fatto alla propria compagnia di assicurazione auto. Sono due le procedure da scegliere:

    1) se si ha un agente o un broker al quale fare riferimento, si può affidare a lui la comunicazione alla compagnia.

    2) Bisogna mandare una raccomandata con ricevuta di ritorno contenente la denuncia effettuata alla propria compagnia di assicurazione auto. Se il veicolo viene successivamente ritrovato, bisogna inviare alla compagnia il verbale di ritrovamento che ci è stato consegnato dalle Autorità competenti al momento della restituzione del veicolo. Se è necessario effettuare delle riparazioni in conseguenza del furto, è necessario segnalare al perito incaricato il luogo di sosta dell’auto e aspettare un suo via libera per farle partire. Bisogna prestare attenzione ad una cosa, non tutte le polizze furto prevedono il risarcimento delle spese di custodia del veicolo che può essere necessario sostenere tra il ritrovamento della vettura e la consegna della stessa, e che possono essere anche ingenti, soprattutto nel caso in cui sia necessaria una riparazione. Se invece l’automobile non è stata ritrovata, la compagnia dovrebbe effettuare la liquidazione del risarcimento entro 30 giorni dalla segnalazione.

    Per dare il via alle pratiche di liquidazione, bisogna far avere alla società di assicurazione la copia autenticata della denuncia e l’estratto della cronologia del P.R.A. (Pubblico Registro Automobilistico, dove è segnata la perdita di possesso del veicolo). È inoltre necessario includere una copia del certificato di chiusura inchiesta, con il quale l’Autorità competente (dove si è sporta la denuncia) dichiara di aver provato a indagare per trovare il veicolo senza successo. Questo documento viene rilasciato dalla Procura della Repubblica del luogo dove è avvenuto il furto. Se l’auto è in leasing bisogna anche inviare un attestato che certifica quanto resta da pagare (debito residuo) e quanto si è già pagato (le fatture passate). Alcune compagnie risarciscono anche le spese di nuova immatricolazione. Ultimo capitolo importante, la polizza furto va pagata fino alla sua scadenza, mentre per quella di responsabilità civile si può chiedere il rimborso per tutta la parte non goduta.

    Costi pratiche

    Imposta di bollo per registrazione al PRA:

  • 32,00 euro (se si utilizza il CdP cartaceo o CDPD come nota di presentazione)
  • 48,00 euro (se si utilizza il modello NP3C come nota di presentazione)
  • Se ci si rivolge a una delegazione dell’ACI o a uno di studio di consulenza automobilistica (agenzia pratiche auto) oltre ai costi previsti per legge, per la richiesta bisogna aggiungere la tariffa del servizio di intermediazione. Se l’assicurazione chiede anche l’estratto cronologico del veicolo (il costo al PRA è di 25,00 euro), lo si può richiedere contemporaneamente alla richiesta della perdita di possesso.