Autovelox: plauso delle Associazioni Consumatori

Anche l’Unione Nazionale Consumatori Calabria ha accolto con soddisfazione la nuova direttiva del Ministro Maroni in materia di sicurezza stradale

da , il

    Autovelox

    Ben sappiamo cosa preveda la nuova Direttiva che regolamenta l’utilizzo degli Autovelox, ricordiamo che non potranno più esserci pattuglie nascosta della Polizia, che la privacy andrà tutelata al massimo, che le apparecchiature adibite alla rivelazione della velocità andranno periodicamente controllate e dovranno essere omologate e non più affidate a Società private, stessa cosa per quanto attiene la segnaletica che dovrà indicare chiaramente la presenza di questi dispositivi in funzione.

    Alla luce di tutto ciò, si registra il plauso nei confronti della direttiva sugli autovelox, come fa Adiconsum che al contempo chiede che vi sia una revisione della segnaletica stradale in tutte le strade delle province italiane e, per quanto riguarda il monitoraggio delle strade ad opera dei Prefetti, come previsto, appunto, dall’ultima Direttiva, Adiconsum chiede che la scelta venga fatta dall’Autorità pubblica di concerto con le Associazioni.

    Anche l’Unione Nazionale Consumatori Calabria ha accolto con soddisfazione la nuova direttiva del Ministro Maroni in materia di sicurezza stradale. “Una scelta in linea con le battaglie che ha sempre condotto l’associazione contro le speculazioni di ogni genere – si legge in una nota – Il fatto che la gestione degli autovelox sia ora possibile solo per la Polizia stradale e non per le societa’ private e’ un punto di svolta rispetto al passato”.

    Il Ctcu, invece, chiede di ”bloccare tutti gli apparecchi fuori legge”. L’associazione si riferisce agli apparecchi fissi in quanto ”le autorizzazioni per la loro installazione non hanno tenuto conto della normativa specifica gia’ in vigore dal 2002 (Legge 168/2002) e di quanto ora ribadito e precisato dalla direttiva Maroni”, ed anche perche’ gli stessi autovelox ”potrebbero violare le norme di tutela della riservatezza della privacy”.