Autovelox: polizia studia automobilisti con TomTom

Autovelox: polizia studia automobilisti con TomTom
  • Commenta
  • Condividi
  • Email
  • Stampa

tomtom live

La notizia viene dall’Olanda ed è di quelle che possono far sussultare gli automobilisti (e non solo), soprattutto in tempi come questi in cui grandi aziende come Apple e Google sono nell’occhio del ciclone per l’uso che fanno dei dati raccolti dai propri utenti. A finire nella polemica questa volta è il popolare produttore di navigatori satellitari TomTom che, come svelato dal quotidiano Algemeen Dagblad, vende i dati in tempo reale sulla posizione e la velocità dei suoi clienti olandesi alla polizia, che può così studiarli e piazzare meglio gli autovelox.

I dati raccolti dal TomTom quando ci si collega a servizi come live traffic, previsioni meteo e così via sono molto preziosi per ottenere le informazioni che a tutti noi fanno comodo quando dobbiamo evitare una coda o conoscere le condizioni del tempo sul nostro percorso. Per questo siamo anche disposti ad accettare le clausole che prevedono la cessione degli stessi dati a terzi.

Quando ci è stata fatta accettare la normativa sulla privacy in cui si spiega che le informazioni sarebbero state utilizzate o cedute per fini diversi da quelli legati alla fornitura del servizio però, nessuno poteva aspettarsi che tra gli scopi di questa distribuzione di dati sensibili ci fosse anche la vendita alla polizia che può così scegliere a colpo sicuro le location migliori per nascondere gli autovelox.

Una situazione inaccettabile per la Federazione del Turismo olandese, che annuncia azioni legali dato che agli utenti non veniva comunicato correttamente l’uso che sarebbe stato fatto dei loro dati. «Si tratta di una chiara violazione della privacy, un comportamento che non può restare impunito», hanno dichiarato.

336

Vedi anche:

Un incrocio impossibile in Etiopia

Guarda questo incredibile video di un incrocio frequentatissimo in Etiopia, non regolamentato da semafori. Incredibile come, almeno nel filmato, non accada nessun incidente.

FacebookTwitter

Condividi questo articolo con i tuoi amici di Facebook

Sab 30/04/2011 da

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
Seguici