Motor Show Bologna 2016

Come avviare un’auto congelata in inverno: cosa fare e consigli

Come avviare un’auto congelata in inverno: cosa fare e consigli
da in Consigli e Guide, Motori auto
Ultimo aggiornamento: Lunedì 02/11/2015 11:07

    Auto in inverno con il freddo

    Oggi vediamo come avviare un’auto congelata in inverno: cosa fare e consigli. Con l’inverno alle porte non tardano ad arrivare i problemi di avviamento dei motori termici, siano essi a benzina, diesel o alimentati con gas vari. Avviare un motore con il freddo richiede uno sforzo maggiore soprattutto alla batteria, che non digerisce al meglio temperature che sfiorano o addirittura vanno al di sotto dello zero. Ci sono comunque alcuni “trucchi” che possono essere usati.

    Come abbiamo già detto è proprio la batteria il vero tallone d’Achille dell’avviamento invernale: la carica comincia a scendere a causa del freddo e quindi è possibile non avere lo spunto necessario a far avviare l’auto. Proprio per evitare inutili cali di tensione che affaticherebbero ancora di più la batteria è consigliabile ridurre al minimo gli assorbimenti. Una volta entrati in auto spegnete tutto, dalle luci all’autoradio fino alla climatizzazione. In questo modo dovreste avere una forza sufficiente.

    Una volta fatto fare il check all’auto è chiaro che il lavoro combinato di batteria e motorino di avviamento dovrebbe avviare il motore. Girate la chiave in posizione di accensione e fate lavorare l’avviamento per non più di 10 o 15 secondi, per evitare che, girando a vuoto, possa surriscaldarsi e danneggiarsi. Qualora l’auto non dovesse partire, aspettate qualche minuto prima di riprovare. Ricordate che l’assorbimento del motorino stesso è grande, quindi ripetuti tentativi potrebbero abbattere la carica della batteria. Nota bene: se il motorino di avviamente non gira vuol dire che la batteria è completamente scarica. In questo caso è possibile accendere l’auto solo con i cavi oppure a spinta.

    No, non parliamo di coccolare la batteria con sciarpa e carezze, ma sappiate che riscaldare la batteria potrebbe essere una mossa vincente. Soprattutto se l’auto è parcheggiata all’aperto durante la notte questa sarà soggetta a temperature bassissime, che rendono più difficile il lavoro delle celle al suo interno. Riscaldare in qualche modo l’unità permetterà una migliore trasmissione della carica energetica.

    421

    Motor Show Bologna 2016

    ARTICOLI CORRELATI