“Basta un attimo”: la campagna per la sicurezza stradale

“Basta un attimo”: la campagna per la sicurezza stradale
  • Commenta
  • Condividi
  • Email
  • Stampa

Con la campagna “Basta un Attimo ” si tenta di debellare il triste egrave fenomeno rappresentato dalle stragi del sabato sera

Una maglietta ufficiale, collaborazioni con diverse Federazioni sportive e uno spot realizzato con la collaborazione del cantautore Luca Lattanzio, con la canzone “Non ci sto” , trasmessa a livello nazionale da 70 emittenti radiofoniche, il tutto per lanciare lo slogan, sulla Sicurezza Stradale “Basta un Attimo ” in giro per tutta l’Italia.

L’iniziativa,che si prefigge anche di contrapporsi alle stragi del sabato sera,è stata voluta da AssoGiovani e dal Forum Nazionale dei Giovani. Del resto le parole della canzone sono significative per il ruolo che si pensa di ottenere, “Se pensi che ballare e poi sballare al volante, sia un modo di affermarsi di nascondersi un istante. Allora no. Non ci sto”: Madrina della canzone è Sofia Bruscoli e testimonial della campagna l’attore Gabriel Garko.

A tutto si aggiunga l’apertura di un portale internet,”Basta un Attimo “,da dove si evince anche quanto grave sia il bilancio delle stragi del sabato sera in Italia.

“Ogni giorno in Italia si verificano in media 617 incidenti stradali, che causano la morte di 15 persone e il ferimento di altre 860. Nel complesso,gli ultimi dati Istat hanno rilevato 225.078 incidenti stradali, che hanno causato il decesso di 5.426 persone, mentre altre 313.727 hanno subito lesioni di diversa gravità. Con un appropriato confronto si riscontra una diminuzione del numero degli incidenti (-1,8%), del numero dei morti (-4,7%) e del numero dei feriti (-2,7%) dati comunque molto negativi rispetto la media europea”.

281

Vedi anche:

Peugeot Exalt al Salone di Pechino

Guarda il video della nuova Peugeot Exalt, la nuova elegante coupé che verrà svelata per la prima volta dal vivo al prossimo salone dell'auto di Pechino. Siamo di fronte ad un bellissimo concept, che riprende in diversi dettagli quello famoso della casa del Leone di nome Onyx di qualche tempo fa.

FacebookTwitter

Fonte | Help Consumatori

Condividi questo articolo con i tuoi amici di Facebook

Dom 05/08/2007 da

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
Seguici