Salone di Parigi 2016

Beni rifugio: provate le supercar

Beni rifugio: provate le supercar

La risposta è complessa ed in questa sede non spetta certo a noi darla, ci interessa di più invece pensare a dei beni rifugio che per una volta non sono rappresentati dal classico mattone, né dall’oro e dai gioielli piuttosto da altri tipi di gioielli meccanici quali sono le supercar realizzate in versione limitata

da in Auto sportive, Curiosità Auto, Pagani Zonda
Ultimo aggiornamento:

    Nonostante tutto le banche, almeno in Italia, godono di una certa fiducia da parte degli italiani, ciò non toglie però che il nostro malcontento monta ogni qualvolta ci si fa la domanda solita; perché se verso i soldi in banca ricevo interessi di pochi punti percentuali e se invece chiedo soldi in prestito alle banche mi chiedono cifre da capogiro?

    La risposta è complessa ed in questa sede non spetta certo a noi darla, ci interessa di più invece pensare a dei beni rifugio che per una volta non sono rappresentati dal classico mattone, né dall’oro e dai gioielli piuttosto da altri tipi di gioielli meccanici quali sono le supercar realizzate in versione limitata.

    Sono auto molto particolari che col tempo anzicchè perdere valore lo acquisiscono. La scelta è vasta per chi se lo può permettere a fronte di un investimento molto cospicuo che in certi casi può superare il milione di euro e ci si ritrova domani di fronte ad un oggetto che “ più invecchia e più vale “, proprio come il vino.

    Qualche esempio ci chiarirà le idee; pensiamo ad esempio ad una Lamborghini Murcielago LP670 da 670 cavalli di potenza di cui verranno realizzate soltanto 150 esemplari e non uno di più. Stessa cosa per quanto riguarda la Ferrari Scuderia da 510 cavalli di potenza, di questa vettura ne hanno realizzati 499 pezzi.

    Ma mentre per queste due vetture non è ancora possibile stabilire a quanto possa essere quantizzato il margine economico che sarà possibile realizzare in caso di vendita, possiamo invece decretare oggi cosa abbia guadagnato quel proprietario di una Pagani Zonda F sia chiusa che roadster prodotte in soli 15 esemplari e rivendute a 400 mila euro mentre era stata acquistata a 300 mila euro con un guadagno di 100 mila euro. Ma c’è anche chi con una Zonda ha realizzato guadagni pari al 100 per cento.

    La lista di supercar dal valore stratosferico è molto lunga e riguarda vetture come le Aston Martin One 77 al costo di listino di un milione e duecentomila euro, una Maserati MC12 comprata circa 700 mila euro e venduta quasi un milione e mezzo di euro ed una Ferrari Enzo comprata 660 mila euro e venduta quasi a 860 mila euro.

    Di fronte a questi numeri pensiamo ai 160 mila euro, quelli occorrenti per acquistare una Alfa Romeo 8C, sembrano cifre modeste, ma la Casa di Arese pensa eccome alla serie numerata, 500 esemplari per tale modello chi in poco tempo avrà prezzi stratosferici nel mercato della collezione e l’affare è fatto, certo non per tutti, perché chi compra e chi vende certe icone dell’automobilismo è accomunato da un comune destino; non avere problema economico alcuno!

    503

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Auto sportiveCuriosità AutoPagani Zonda Ultimo aggiornamento: Domenica 05/07/2015 10:19

    Salone di Parigi 2016

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI