Bentley Continental GT3-R: serie limitata da 580 cavalli per la supercar inglese [FOTO]

In 300 esemplari è pronta al debutto la Bentley Continental GT3-R con motore 4

da , il

    Bentley Continental GT3-R è una delle più sportive Continental di sempre e questo può esser desunto già dalla sigla GT3-R che è quella che proprio la caratterizza per il suo animo da supercar che nasce sulla piattaforma delle V8 in listino associato a quello delle Continental da competizione (campionato Blancpain Endurance Series) sebbene le sue dimensioni siano imponenti ma che determinano una vettura assai elegante. Debutta in anteprima assoluta al concorso d’eleganza americano di Pebble Beach in programma il prossimo 17 Agosto.

    Sotto al cofano “pulsa” un vigoroso motore 4 litri V8 con una potenza massima che arriva a ben 580 cavalli e, a dirla tutta, questo è il medesimo motore che la Casa britannica condivide con i modelli più sportivi di Audi.

    E’ già in vendita ma in numero limitato, sono disponibili infatti 300 esemplari e verranno consegnati ai proprietari da fine 2014.

    Motore 4.0 V8 da 580 cavalli

    Con un potente motore come questo, la Continental GT3-R non perde le peculiarità fondamentali che la caratterizzano, come ad esempio il lusso degli interni e l’eleganza di tutti i dettagli.

    Aprendo il cofano non possiamo non dar nota di tutto quel che ci appare davanti agli occhi: tutti e 560 i cavalli disponibili sono erogati a 6.000 giri e 700 Newtonmetri da 1.700 giri, ma per ottimizzare quelle che già erano performance “da urlo” questa variante in edizione limitata è stata allegerita di 100 chili (si parla comunque di un peso totale attorno alle 2,2 tonnellate) e questo le permette ora di “bruciare” il fammigerato scatto da 0 a 100 chilometri orari in appena 3,8 secondi e di raggiungere una velocità massima di 273 chilometri orari.

    Trazione integrale ed ESC rivisti

    Si parla di trazione integrale anche in questo caso (come per tutte le Continental in listino, dalle V8 alle W12) ma a differenza di quel che già viene proposto, in questo caso c’è l’ausilio, inevitabile forse, della tecnologia torque vectoring per un’eccezionale tenuta di strada, specialmente in curva. Sotto il profilo tecnologico c’è da citare un sistema di Esc inedito rispetto alle “normali” versioni, con una taratura specifica.

    Modifiche ad assetto e impianto frenante

    Il comparto dell’assetto e ruote propone una taratura dello stesso specifica per il modello in questione, un diametro dei cerchi da 21 pollici gommati Pirelli (275/35 R21) con disegno specifico per garantire al “pilota” l’aderenza massima. I freni sono invece stati concepiti in carboceramica con dischi da 4 centimetri e 20 davanti e 3 centimetri e 56 dietro con tanto di pinze ad otto pistoncini in tonalità verde.

    Due le modalità di guida

    Generalmente tutte le Continental, dalle V8 alle W12, sono equipaggiate di un cambio automatico ad otto rapporti sequenziale ma la GT3-R propone invece rapporti più brevi per passaggi di marcia veloci e rendere così la vettura maggiormente scattante con due modalità di guida: la “Drive” e la “Sport” e, come si evince dalle denominazioni, il conducente è egli stesso a scegliere se guidare in modalità “normale” o cimentarsi in quella “pistaiola”. Per quanto riguarda sempre il comparto meccanico risalta il terminale di scarico al posteriore; questo, è stato realizzato in titanio, quindi materiale leggero che, rispetto a quello di serie, allegerisce la vettura di 7 chilogrammi, non tantissimi ma quelli utili a farne la differenza.

    Gli interni

    Come appunto dicevamo in precedenza, i tecnici del marchio britannico non potevano accogliere la clientela in un ambiente diverso da quello che normalmente si è abituati con Bentley. Ridurre il peso sì ma senza andarne a discapito dell’eccellente eleganza degli interni. Non potrà far accomodare quattro persone come tutte le Continental perché la GT3-R prevede solamente due posti a sedere, dato che è stato eliminato il divanetto posteriore per allegerirne ulteriormente il peso, ma c’è la pregiata pelle nei rivestimenti dei pannelli porta, plancia e selleria alternata con l’Alcantara per molteplici dettagli e fibra di carbonio per altri. Se da fuori intravediamo la tonalità verde dei pistoncini dei freni e nelle venature della carrozzeria principalmente, ecco che dentro invece troviamo questa colorazione – un po’ simbolo del marchio – per le luci del quadro strumenti, dei pannelli porta e ancora delle cuciture dei sedili, volante e tutto ciò che ne necessita dato il rivestimento.

    L’estetica

    Esteticamente non passa certo inosservata, non lo fanno nemmeno le Continental di serie ad esser onesti. Questa, per di più, si fa osservare per l’animo sportivo che generalmente si vede nelle vetture dedicate alla pista come ad esempio gli splitter anteriori e posteriori e lo spoiler realizzati in fibra di carbonio ed inedite prese d’aria sul cofano motore per accentuarne la vocazione pistaiola.

    La colorazione della carrozzeria è il Glacier White con grafiche a contrasto in verde (le venature appunto) e dettagli in nero lucido per tutti e 300 gli esemplari disponibili; non è quindi ulteriormente personalizzabile in altro modo questa supercar inglese simbolo di Bentley.

    Quando ancora era Concept

    Bentley Continental GT