Bill Gates investe sul motore a due tempi

Il Wall Street Journal ha diramato la notizia secondo la quale Bill Gates, proprietario del marchio Microsoft, sta investendo i suoi soldi un un'azienda americana di motori

da , il

    motore

    Bill Gates, dai computer alle auto. Potremmo così sintetizzare la notizia che sta facendo il giro del mondo, partita dal Wall Street Journal. Il multimiliardario americano sta investendo parte dei suoi fondi su di un’azienda automobilistica che fa ricerche sui motori di nuova generazione. L’azienda americana è la EcoMotors e Bill Gates ha approvato l’idea che la casa motoristica sta sviluppando. La questione riguarda un motore a due tempi, di concezione nuova. Un vero e proprio start-up che ha in mente di diventare, in un prossimo futuro, un propulsore vero e proprio, da montare sia sulle automobili sia sulle moto.

    Il motore è definito con la sigla OPOC, che sta per Opposite Piston-Opposite Cylinder. Un motore in cui i pistoni sono contrapposti, all’interno di uno stesso cilindro e dove non esiste la testata, come nei motori tradizionali, in cui in ogni cilindro lavora un solo pistone. A differenza di un motore tradizionale, inoltre, i pistoni contrapposti sfruttano logicamente due alberi a gomiti ed una camera di scoppio comune.

    Per fare un esempio, tanto per far capire a tutti, potremmo parlare di un motore boxer al contrario. Ma solo per rendere l’idea del nuovo propulsore, in quanto qui il cilindro è solo uno. Ma perché EcoMotors sta lavorando a questo progetto? Probabilmente perché un motore di questo tipo potrebbe funzionare sia con la benzina sia col diesel e sarebbe in grado di avere ottimi risultati sul piano della riduzione dei consumi e delle emissioni.

    Non solo, ma costi di sviluppo e gestione più ragionevoli, pesi e ingombri contenuti, minore utilizzo di componenti ed un rendimento termico sconosciuto ai propulsori ad architettura convenzionale. Insomma l’uovo di Colombo. Un’idea che sa di rivoluzionario, visto che i progettisti parlano di un ipotetico consumo di appena 2,5 litri per 100 km. Il prototipo di auto, forse, equipaggiata col motore a due tempi Gates, potrebbe vedere la luce nel 2014. Ma i piani dei soci prevedono anche la cessione a terzi del loro progetto. E pare che i cinesi abbiano capito l’antifona e siano interessati all’acquisto.