Blocco del traffico Milano: 24 ottobre 2017 e oltre, fermi ancora i diesel

Valori PM10 diminuiti ma non abbastanza. Blocco del traffico Milano e provincia, fermi ancora i diesel fino ad Euro 4 fino a quando le polveri non caleranno ancora

da , il

    Blocco del traffico Milano: 24 ottobre 2017 e oltre, fermi ancora i diesel

    Nessuna pietà, si continua a fermare le auto. Blocco del traffico a Milano, dal 24 ottobre 2017 in poi si entra nella cosiddetta fase 2, ancora peggiore della 1. Il blocco riguarda anche i comuni della città metropolitana (la vecchia provincia) superiori a trentamila abitanti, oltre ai comuni che hanno volontariamente aderito all’accordo del bacino padano. E’ vietata la circolazione tutti i giorni dalle 8.30 alle 18.30 a tutti i veicoli per trasporto persone diesel fino alla classe Euro 4 compresa. Dalle 8.30 alle 12.30 è vietata la circolazione anche ai veicoli per trasporto cose, sempre diesel fino ad Euro 4.

    BLOCCO DEL TRAFFICO MILANO DAL 24 OTTOBRE 2017 IN POI, IL PM10 NON CALA ABBASTANZA

    Anche se nello scorso weekend i livelli di PM10 sono diminuiti, restano ancora superiori al limite di 50 microgrammi per metro cubo stabilito dal piano. Il blocco resterà in vigore fino a quando le centraline dell’ARPA non rileveranno un calo sotto il valore di 50 per due giorni consecutivi. La prossima rilevazione è prevista per giovedì 26 ottobre, quando si deciderà se proseguire col blocco o finalmente si tornerà a circolare. Questi sono i comuni della Lombardia interessati dal blocco: Milano, Brescia, Monza, Bergamo, Como, Busto Arsizio, Sesto San Giovanni, Varese, Cinisello Balsamo, Pavia, Cremona, Vigevano, Legnano, Gallarate, Rho, Mantova, Lecco, Cologno Monzese, Paderno Dugnano, Lissone, Lodi, Seregno, Rozzano, Desio, Cantu’, Saronno, Cesano Maderno, San Giuliano Milanese, Pioltello, Bollate, Limbiate, Corsico, Segrate, Brugherio, Cernusco Sul Naviglio, Abbiategrasso, San Donato Milanese.

    L’accordo del bacino padano è stato firmato lo scorso giugno dal ministro dell’Ambiente e i presidenti delle regioni Lombardia, Piemonte, Veneto ed Emilia Romagna. Le misure sono attive dal 1° ottobre al 31 marzo. Per quanto riguarda la Lombardia, è possibile consultare le direttive e tutti i documenti su deroghe e divieti a questo link della Regione.