NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

BMW M135i anche a trazione integrale

BMW M135i anche a trazione integrale

Confermata la M135i, anche a trazione integrale, oltre ad alcune anticipazioni sui prossimi modelli della divisione sportiva di BMW

da in Auto nuove, Auto sportive, Bmw, Bmw M1, Bmw Serie 7
Ultimo aggiornamento:

    bmw m135i concept geneva

    La rivista americana Car and Driver ha riportato un’interessante intervista fatta al presidente della divisione M di BMW dalla quale sono emersi alcuni dettagli sui prossimi modelli del brand. Friedrich Nitschke lavora da anni per BMW, occupandosi inizialmente dello sviluppo dei propulsori per poi arrivare allo sviluppo di nuovi prodotti per Mini (a lui si deve l’arrivo sul mercato di Mini Coupè, Roadster e Countryman). In passato le versioni M delle vetture BMW si sono sempre ritrovate ad avere sotto i loro cofani dei motori aspirati. Tuttavia quel taboo è stato recentemente superato, con la presentazione della 135i e del nuovo motore triturbodiesel presente su M550d, X5 e X6. Secondo il presidente in realtà non ci sono mai stati pregiudizi negativi sulla sovralimentazione dei motori per la divisione sportiva di BMW, piuttosto si è sempre scelta la miglior tecnologia disponibile. Attualmente i turbo rappresentano il miglior compromesso tra efficienza e prestazioni, con potenza disponibile fin dai regimi più bassi, a differenza delle turbine montate in passato. È curioso poi notare l’interesse da parte del pubblico americano per la trasmissione manuale, spesso considerata più adatta su un’auto ad alte prestazioni. In effetti tradizionalmente quello statunitense è un mercato in cui si ha la netta predominanza di auto vendute con cambio automatico, un po’ all’opposto di com’è stata l’Europa fino a qualche tempo fa.

    M550D
    Attualmente però i clienti del vecchio continente hanno iniziato ad apprezzare le doti delle trasmissioni automatiche di nuova generazione, che oltre al confort risultano essere anche estremamente efficienti grazie ai 6-7-8 rapporti.

    Da non sottovalutare poi la difficoltà tecnica per gestire un cambio manuale con motori così potenti, tanto da dover richiedere un software avanzato per tagliare elettronicamente certi picchi di potenza e salvaguardare così la trasmissione. L’intervistatore ha poi posto l’attenzione sulla M135i presentata al Salone di Ginevra 2012 e Friedrich Nitschke ha confermato che il modello di serie sarà proprio come quella vista in Svizzera, spinta dal motore N55 3,0 litri a sei cilindri che potrà essere abbinato sia alla trasmissione manuale che a quella automatica e a scelta si potrà ordinare anche con la trazione integrale xDrive. Fatto curioso, dal nostro punto di vista, è l’interesse suscitato in parte del pubblico americano dalle nuove versioni M Performance diesel. Tuttavia, secondo le parole del presidente, al momento non ci sarebbe una reale richiesta di mercato sufficiente per decretarne la vendita anche sull’altra sponda dell’Atlantico. In Germania sembrano essere decisamente possibilisti per lo sviluppo di una M7, per competere con l’Audi S8 e la Mercedes S 63 AMG. Invece difficilmente, anche in futuro, vedremo arrivare versioni M per le nuove i3 o i8 visto che si tratta di vetture spinte da filosofie differenti: la linea ‘i’ è riservata a modelli che consentono di avere le migliori prestazioni possibili partendo però da consumi ridotti al minimo, mentre BMW Motorsport privilegia le prestazioni. Al termine dell’intervista vengono poi fatte speculazioni sull’eventualità di vedere prima o poi una supercar con motore centrale o posteriore, tuttavia per il momento non è stato approvato ancora alcun progetto.

    594

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Auto nuoveAuto sportiveBmwBmw M1Bmw Serie 7
    PIÙ POPOLARI