Motor Show Bologna 2016

Bollo auto abolito: al posto un aumento delle accise sul carburante?

Bollo auto abolito: al posto un aumento delle accise sul carburante?

E se venisse abolito il bollo auto?

da in Bollo auto
Ultimo aggiornamento:
    Bollo auto abolito: al posto un aumento delle accise sul carburante?

    Si torna nuovamente a parlare dell’abolizione del bollo auto come tassa fissa. A far parlare di nuovo dell’argomento è stato il gruppo di Flavio Tosi, Fare!, che ha preparato proposta di legge attualmente depositata alla Camera. L’idea è di Roberto Caon e secondo questa proposta il futuro della tassazione sull’automobile prevederebbe la cancellazione del bollo auto e la compensazione del gettito fiscale con un notevole aumento delle accise sui carburanti.

    Siamo tutti a conoscenza del fatto che la tassa di possesso sull’auto sia un’odiosa pratica, che porta via tanti soldi agli automobilisti e mortifica quei pochi appassionati d’auto rimasti a guidare auto potenti, capaci di regalare ancora un sorriso al volante. Con l’introduzione del superbollo qualche anno fa, con l’intento di colpire i più ricchi, si è deciso di aumentare la tassazione per tutte le auto con più di 250 cavalli. Risultato? Gli appassionati di auto sportive che con i risparmi di anni di lavoro si compravano il mezzo dei propri sogni, magari usato e magari pagandolo pure poco, si sono trovati con un’amara sopresa. I più ricchi, invece, hanno deciso di prendere la propria auto di lusso o supercar a noleggio, il più delle volte con targa estera, in modo da aggirare completamente il problema. Complessivamente questa operazione ha letteralmente ucciso il settore delle auto più sportive e/o di lusso in Italia.

    Se la tassa di proprietà sull’auto dovesse effettivamente venire cancellata, il tutto si tradurrebbe in un aumento di ben 15 centesimi di euro al litro per i carburanti. Una bella batosta che si tradurrebbe in quasi 10 euro in più sul pieno di un’auto di medie dimensioni.

    D’altro canto sarebbe una tassazione più equa perchè in questo modo si colpirebbero tutti gli automobilisti, compresi i furbetti che girano con l’auto con targa straniera. E in questo modo risulterebbero maggiormente tassati quelli che fanno più strada, mentre chi usa l’auto saltuariamente potrebbe anche andare a risparmiare. Però chissà come sarebbero contenti tutti i pendolari o quelli che con l’auto ci lavorano…

    Lo Stato, attualmente, riesce ad incassare una cifra che si aggira attorno ai 6,5 miliardi di euro all’anno con il bollo auto, una somma ingente ma che ovviamente è inferiore a tutto quello che si potrebbe racimolare se non ci fosse l’evasione. “Il meccanismo che proponiamo eliminerebbe sia le odiose frodi fiscali sul mancato pagamento del bollo, sia quella giungla normativa fatta di esenzioni per le auto ultratrentennali, e inoltre metterebbe il bastone tra le ruote ai furbetti delle reimmatricolazioni con targa straniera. Pratica che ha ormai assunto proporzioni vastissime (3,5 milioni di intestatari) e che annualmente sottrae allo Stato circa 500 milioni di euro: spesso i proprietari di questi veicoli, oltre a non pagare il bollo guidano veicoli non assicurati, e in molti casi non pagano nemmeno le contravvenzioni”, ha dichiarato un portavoce del gruppo di Flavio Tosi. “Chi più inquina più paga”, secondo Roberto Caon.

    522

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Bollo auto

    Motor Show Bologna 2016

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI