Motor Show Bologna 2016

Business semaforico: in carcere 4 persone, denunce per diciasette

Business semaforico: in carcere 4 persone, denunce per diciasette
da in Mondo auto
Ultimo aggiornamento:

    Business Semaforico

    Associazione per delinquere finalizzata alla truffa e turbativa di commesse pubbliche, queste le gravi accuse che hanno portato in carcere quattro imprenditori lombardi, tre di loro sono agli arresti domiciliari, dopo il blitz effettuato dalla Guardia di Finanza che ha anche denunciato a piede libero altre 17 persone coinvolte a vario titolo nella societas criminosa nell’ambito delle indagini relative al “business semaforico”.

    A gestire in modo delinquenziale la gestione dei semafori sparsi lungo il territorio lombardo, funzionari comunali, comandanti della Polizia Municipale dell’hinterland milanese e dirigenti della Società che aveva in appalto la gestione degli incroci semaforici che venivano noleggiati dai Comuni e dati in gestione ad aziende che ricavano una percentuale sulla base delle multe che riuscivano a comminare ai cittadini.

    Le accuse rivolte agli appartenenti all’associazione per delinquere configurano diversi reati, la prima, la turbativa di commesse pubbliche, visto che le gare per avere assegnate le commesse venivano espletate privilegiando sempre le solite società o “confezionando” delle licitazioni in modo da far accedere sempre le solite ditte all’appalto, a scapito dei concorrenti.

    L’altro reato cui devono rispondere i denunciati riguarda il modo in cui le apparecchiature venivano tarate col risultato che fra il giallo ed il rosso non intercorreva quel lasso di tempo utile per evitare di commettere l’infrazione, visto che immediatamente veniva attivato il noto Photored atto ad immortalare il passaggio col rosso.


    L’ingegnoso congegno consentiva alle ditte proprietarie delle apparecchiature di ricavare una percentuale fra il 25 ed il 30% della sanzione, con un introito illegale di qualcosa come 12.000 euro al giorno., spartite a seconda delle responsabilità che avevano i denunciati, cui si cerca di fare luce.

    323

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Mondo auto

    Motor Show Bologna 2016

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI