Calendari 2008: donne e motori

da , il

    Calendari 2008: donne e motori

    Non è certo un modo di mancare di rispetto al sesso femminile, ma in questo calendario la figura femminile è esaltata ai massimi livelli, almeno in fatto di bellezza, rara, come le auto che vengono raffigurate insieme alle splendide ragazze che le sormontano con le loro estetiche virtù.

    Certo, l’accostamento non sarà del tutto felice, paragonare la conturbante bellezza delle forme di giovani donne a quella decisa e più fredda delle supercar non rende merito al sesso femminile, ma non è un caso, che ai Saloni delle auto si punti l’attenzione su splendide modelle che si fanno immortalare accanto a vetture riluccicanti ed entusiasmanti e non è raro doversi districare fra le forme dei corpi scultorei per intravedere quelle meno conturbanti delle carrozzerie delle auto dove le modelle poggiano il loro corpo con atteggiamenti, spesso, intriganti e flessuosi o si abbandonano in pose, per così dire un po’…. osè.

    E se dunque, l’auto è “femmina”, almeno grammaticalmente parlando, ecco così spiegato perché piace tanto agli uomini e, da che mondo è auto, non v’è stata mai un’immagine che non ritraesse la donna al centro dell’automobile, sia essa mamma, sorella, moglie, amante conturbante o semplice oggetto del desiderio, fatto sta che ben si amalgama con quelli che sono i pensieri profondi di chi intende umanizzare il mezzo a quattro ruote, per farcelo al meglio apprezzare e, quale migliore occasione potrà darci un calendario che, nell’orientare il nostro pensiero al mondo dell’auto, lo conduce, deciso, alla figura della donna.