Carburanti: il prezzo del gasolio cresce più della benzina

Carburanti: il prezzo del gasolio cresce più della benzina

da , il

    Allarmante, il gasolio svetta in alto più della benzina al punto che, dal 2006, stando a sentire le parole pronunciate da un rappresentante dell?Unione Petrolifera (UP), il prezzo Internazionale del gasolio è aumentato dell?86% mentre quello della benzina è cresciuto del 60% .

    In un mercato, come quello dei carburanti e non solo di quello, contrassegnato da una domanda e da un?offerta che negli anni si è andata sempre più diversificando, la conseguenza è stata quella di assistere ad una richiesta di gasolio pari al 50% della richiesta totale di carburanti, enorme, se si pensa che solo dieci anni fa il rapporto era di ben altro tenore, con una percentuale che non superava il 15% .

    “Il maggiore fabbisogno di distillati – spiega l’Unione – può essere soddisfatto o con una maggiore capacità di lavorazione delle raffinerie o con maggiori importazioni. Gli ostacoli all’upgrading degli impianti sono rappresentati da vincoli ambientali e amministrativi che impediscono un tempestivo adeguamento delle strutture produttive nelle quali, tra l’altro, vengono lavorati greggi sempre più pesanti e solforosi che rappresentano circa l’80% delle qualità in commercio”.

    Insomma, a pagare il prezzo di questa situazione l?Europa, costretta a importare gasolio dall?ex Unione Sovietica con un deficit per il Vecchio Continente pari a 50 milioni di tonnellate e tale gap non è facilmente colmabile con importazioni provenienti dal Medio Oriente.

    Per l’UP si tratta di “una situazione i cui effetti si sono scaricati sui prezzi internazionali”. “In questo modo, ha ancora detto, si è praticamente annullato il vantaggio fiscale del gasolio rispetto alla benzina che presenta un’accisa più bassa di circa 14 centesimi ed è il principale motivo alla base del progressivo ridursi del delta tra i prezzi al consumo dei due prodotti che non può essere addebitato a comportamenti poco chiari da parte degli operatori, ma all’operare di trasparenti meccanismi di mercato.