Carburanti: prezzi ancora in aumento

Carburanti: prezzi ancora in aumento

Ancora aumenti ed sono gli ennesimi del costo dei carburanti, benzina e gasolio ricevono aumenti anche di 0,8 centesimi di euro, fibrillazione da parte delle Associazioni dei Consumatori, ma su questi prezzi non incide solo il petrolio

da in Mondo auto, Prezzo benzina, Sciopero benzinai
Ultimo aggiornamento:

    prezzi-carburanti-ancora-alle-stelle

    Un nuovo sistema di fissazione dei prezzi dei carburanti che tenga conto di ritocchi dei prezzi concordati su base settimanale, ciò a seguito dell’accordo voluto dalle Associazioni dei Consumatori fra Governo e Compagnie, un accordo che appare non solo necessario ma urgente, anche alla luce dei nuovi aumenti del costo della verde e del gasolio. Tuttavia anche oggi la notizia è quella che indica come per l’ennesima volta una nuova ondata di rincari di carburanti sia piombata sui cittadini.

    Ecco gli aumenti dunque pari a 0,6 centesimi per la verde che oggi costa 1,431 euro ed un aumento del diesel di 0,8 centesimi col risultato che il gasolio costa 1,275 euro; nello specifico vediamo cosa sia mai accaduto alle diverse Compagnie che hanno così ritoccato il costo dei carburanti alla pompa.

    Iniziamo con Api-Ip che hanno portato la verde a 1,427 euro, ovvero, un centesimo di aumento, che per il diesel è stato di 0,6 centesimi e che dunque ha comportato per il gasolio un prezzo al consumo di 1,269 euro. Aumenti anche per la Erg di 0,5 centesimi, dunque la verde a 1,428 euro e 1,269 euro per il gasolio, così come fatto anche da Tamoil che ha aumentato di 0,6 centesimi il solo gasolio col risultato che un litro di diesel costerà 1,274 euro al litro; quest’ultimo dato ci fa assistere a picchi di livelli massimi dei prezzi da un anno e mezzo in qua.

    “Niente di nuovo, siamo alle solite e, come sempre, a pagarne le conseguenze sono i cittadini, che subiscono ricadute per 254 Euro annui.” – dichiarano Rosario Trefiletti ed Elio Lannutti, Presidenti di Federconsumatori e Adusbef. “Per questo è estremamente urgente dare piena applicazione alle misure sottoscritte la scorsa settimana nel Tavolo di confronto sul mercato petrolifero, a partire dall’istituzione della Commissione di controllo sulla doppia velocità, e dalla razionalizzazione della rete di distribuzione, con l’incremento della vendita non-oil e, quindi, l’apertura della vendita anche presso la grande distribuzione” sostengono i Presidenti.”Si tratta, infatti, di misure indispensabili che consentiranno, da un lato, di eliminare le speculazioni e, dall’altro, di avviare un importante calmieramento dei prezzi dei carburanti.

    Il Governo, inoltre, deve impegnarsi a dare applicazione immediata alle norme, già esistenti sull’accisa mobile, abbassandola per controbilanciare l’automatico aumento dell’IVA viste le attuali variazioni del petrolio” concludono Trefiletti e Lannutti.

    Come si vede fibrillano le Associazioni dei Consumatori che auspicano l’attuazione di quel piano di controllo fra le parti; resta un’importante precisazione da fare e che riguarda gli elementi che stanno alla base del costo dei carburanti, al di là delle speculazioni che pure ci sono a determinare il costo alla pompa di benzina e gasolio. Ciò per spiegare il motivo per il quale a fronte del costo del greggio al barile pari a 140 dollari nell’estate del 2008 e la benzina a un euro e 20 centesimi, si assiste adesso al costo del barile di petrolio a 80 dollari e la benzina a 1,40 euro. Si capisce dunque bene che non dovrà essere il solo petrolio ad incidere sul prezzo dei carburanti, semmai diverse componenti intervengono sul prezzo alla pompa, ad esempio, immaginare che la benzina sia da considerarsi alla stregua di una qualsiasi altra merce, ovvero anche, che come accade ad un qualsiasi prodotto che viene commercializzato su scala mondiale, anche i carburanti risentono delle fluttuazioni di mercato ed il loro prezzo viene aggiornato sulla base degli andamenti internazionali.

    638

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Mondo autoPrezzo benzinaSciopero benzinai
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI