NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Carburanti: sale il prezzo della benzina, le proteste dei Consumatori

Carburanti: sale il prezzo della benzina, le proteste dei Consumatori

“Ancora una volta - denunciano le associazioni - ci troviamo di fronte ad adeguamenti poco chiari

da in Associazioni Consumatori, Mondo auto, Sciopero benzinai
Ultimo aggiornamento:

    benzina

    Non è possibile andare avanti così, sembra questa la presa di posizione delle Associazioni dei Consumatori, stavolta davvero irritati davanti alla consapevolezza dell’ennesima impennata del prezzo della benzina alla pompa, 1,38 euro al litro, uno “scherzetto” che sa di speculazione e che costerà ai cittadini qualcosa come 171 euro all’anno a causa dei maggiori costi che graveranno su di loro, senza considerare tutto quello che sta dietro il costo della benzina. Da ricordare che il petrolio costa al barile 80 dollari.

    “Ancora una volta – denunciano le associazioni – ci troviamo di fronte ad adeguamenti poco chiari. Infatti, quando il petrolio nell’intero mese di gennaio si attestava a 81-82 dollari al barile, il prezzo della benzina (dati Ministero Sviluppo Economico), si attestava a 1,31 euro al litro, con una differenza, quindi, di 7-8 centesimi in più rispetto al prezzo odierno”. Secondo l’Osservatorio Nazionale Federconsumatori, il deprezzamento di gennaio dell’euro sul dollaro doveva comportare un aumento di soli 2 centesimi in più.

    Tuonano le note Associazioni dei Consumatori Federconsumatori e Adusbef, si parla di pratiche speculative con maggiori esborsi pari ad almeno 6 centesimi il che si concretizza in maggiori costi pari a 72 euro all’anno, per i soli aumenti della benzina e di 63 euro all’anno per costi indiretti, visto che i trasporti in Italia si fanno per lo più su gomma cui aggiungere il resto che fa giungere la maggiore spesa ad oltre 170 euro all’anno per consumatore italiano.

    Ed ecco le richieste dei Consumatori; controlli su speculazioni e sulla doppia velocità di adeguamento dei prezzi; abbattimento del distacco del prezzo industriale italiano rispetto a quello europeo; liberalizzazione e apertura della vendita alla grande distribuzione.

    325

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Associazioni ConsumatoriMondo autoSciopero benzinai
    PIÙ POPOLARI