Chrysler Spyker C12 La Turbie

da , il

    Chrysler Spyker C12 La Turbie

    Vi sembra troppo scontata una Ferrari, una Maserati o piuttosto una Lamborghini? Niente paura, se desiderate qualcosa di meno comune ( ! ) per voi, forse e soltanto per voi! c’è a disposizione una Spyker C12 La Turbie, costruita nella meravigliosa Olanda e venduta a tutti coloro che non si accontentano più soltanto del superfluo ma che aspirano all’ effimero.

    Per quanto concerne le prestazioni, inutile dire che queste sono ai massimi livelli, la Spyker, infatti, monta un propulsore fatto costruire dall’ AUDI e già presente sulla Bentley Continental GT con una potenza impressionante, 559 CV a 6.100 giri. Non rimaneteci male adesso che avete saputo che il motore della vostra Spyke non è del tutto inedito, sol perché anche la vettura inglese l’ ha montato prima di voi. Le prestazioni a voi riservate, con la C12, sono esclusive, non foss’ altro per il fatto che quest’ ultima vettura è decisamente di gran lunga più leggera della Bentley che pesa oltre due tonnellate. Con la vostra spider sarete in grado di raggiungere i 325 Km/h, dove, lo sapete solo voi e potrete accelerare da o a 100 km. in soli 3,9 secondi.

    Per quanto riguarda la linea non c’è che dire, a guardarla bene e, soprattutto dall’ alto, la Spyke, sembra una navicella spaziale da cui stanno per fuoriuscire i marziani giganti, viste le enormi portiere che si aprono verticalmente. Essendo una vettura dalle prestazioni brucianti, per non “ bruciare “ , al contempo, il motore, nella calandra è visibilissimo l’ enorme presa d’ aria e lo spazio aperto grigliato per raffreddare il propulsore e, nel contempo i freni, sicuramente messi a dura prova quando la C 12 raggiunge velocità al limite. Aerodinamicamente è quasi perfetta, con quel “ vestito “ affusolato a cominciare dal parabrezza, quasi del tutto reclinato. A chi piace, l’ auto fa bella mostra di sé, forse anche troppa!

    Come ben sapete non si tratta di un’ auto per famiglia e, pertanto, i posti sono due, secchi; tipici delle vetture che appartengono a questo rango. Tuttavia, gli eletti che abiteranno, sia pure soltanto per qualche giro di prova quest’ auto, godranno di rifiniture, molto classiche, quasi retrò, ma belle a vedersi, come gli interni in pelle e alluminio. Magari da certi accorgimenti l’ intento di chi produce quest’ auto è stato quello di non farla sfigurare rispetto alle supercar di casa nostra, che ci sia riuscito, non tocca a noi dirlo, però, una cosa è certa, se la comprerete, statene certi, finirete per stupire, anche perché, sarà alquanto difficile che possiate vederne una simile aggirarsi al vostro paese.