Chrysler Voyager 2008

da , il

    Chrysler Voyager

    Sembra molto la Chrysler Durango, ma non si tratta della stessa auto! Si tratta, invece, della nuova versione di Chrysler Voyager, uno dei più diffusi e affermati monovolume. Questa nuova versione abbandona il muso sottile e insignificante per assumere l’aria mastodontica delle Chrysler 300C.

    In effetti il frontale, guadagna molto da questo nuovo corso all’americana: l’ampia calandra dominata da una vistosissima griglia cromata a maglie larghe e affiancata da gruppi ottici di discrete dimensioni danno al monovolume americano un’aria imponente. Stona in questo il cofano: abituati a vedere un frontale così aggressivo seguito da un lungo cofano, fa una strana impressione quello corto e inclinato della nuova Voyager.

    Le novità estetiche, però, non riguardano solo la parte anteriore dell’auto, perchè anche la fiancata ha subito un’importante aggiornamento. Si sono allargati e gonfiati verso l’esterno i passaruota, quasi dovessero contenere cerchi da 20 o 22″. Anche la linea di cintura è un po’ rigonfia verso l’esterno. L’aspetto estetico ne guadagna sicuramente, anche se il fatto che i finestrini laterali centrali e posteriori potrebbero essere un po’ ridotti nelle dimensioni e ridurre così il campo visivo.

    Dal tono un po’ arrogante (e che sa quasi di Audi), ma indubbiamente belli, gli specchi retrovisori dal guscio cromato. Per quanto riguarda il retro dell’auto non ci sono grandi novità: probabilmente verrà abbandonata la forma tondeggiante ad uovo in vece di una più squadrata (per renderla simile alla Chrysler 300C Touring). Anche per quanto riguarda i gruppi ottici posteriori, non ci saranno grandi novità.