Citroen C2: addio ai listini!

Quello che stupisce è la rapidità delle due Case costruttrici di alienare due vetture che, almeno per quanto riguarda la C2, ha goduto di un discreto successo e l’unico modo per intendere le decisioni dei due marchi è dipendente dalla necessità di liberare gli impianti produttivi dalla linea delle due vetture a favore di altre nuove

da , il

    citroen-c2

    La Citroen C2 fu?. si il passato è quanto mai esatto, stante il fatto che alla stregua della Peugeot 1007, anche la vettura del doppio Chevron, esce dal listino, nonostante si parli di un?auto che è stata venduta in 630 mila esemplari e dunque in nessun caso un flop per Citroen.

    Quello che stupisce è la rapidità delle due Case costruttrici di alienare due vetture che, almeno per quanto riguarda la C2, ha goduto di un discreto successo e l?unico modo per intendere le decisioni dei due marchi è dipendente dalla necessità di liberare gli impianti produttivi dalla linea delle due vetture a favore di altre nuove.

    A prendere il posto della Citroen C2, la Citroen DS3, che abbiamo ammirato alo scorso Salone di Francoforte 2009 . La Citroen DS3 tuttavia non prenderà il posto della Citroen C3 che verrà ancora prodotta anche se in questo caso la nuova vettura si chiamerà C3 Generation che vedremo in concessionaria intorno al mese di novembre/dicembre di quest?anno.

    La Citroen C3 Generation tuttavia non presenterà soluzioni inedite, semmai annuncia lo stesso percorso che la Casa francese intende effettuare sul modello che già da tempo abbiamo visto effettuarsi dalla Fiat con la Punto Classic, da analogo periodo, dalla Renault Clio Storia e da tempi più recenti dalla Peugeot 206; insomma, auto ancora valide, in certi casi abbastanza moderne ma offerte a prezzi sicuramente più contratti.