Citroen C4 Bio-Flex: la prima Citroen al bioetanolo per l’Europa

da , il

    Citroen C4 Bio Flex, presto anche in Europa

    Quella che da noi si preannuncia come una novità di rilievo, altrove e, specificatamente nei Paesi del Sud America, è una consuetudine, ovvero, la commercializzazione di auto alimentate a bioetanolo.

    Al punto che, la Citroen, con questo carburante che, appunto, nell?America Latina è diffusa da anni, fa il suo ingresso, in pompa magna anche in Europa e a sancire l?entrata della Casa francese nel Vecchio Continente con questa alimentazione, ci pensa la C4 Bio-Flex che adotta un motore derivato dal 16 valvole di 1.600 cc. di cilindrata a benzina.

    A vederla per prima saranno gli svedesi, poi toccherà ai francesi e sia in Svezia che in Francia i governi si sono adoperati per affermare la presenza sul territorio di stazioni di servizio di E85 . Si parla di ben 500 aree di servizio. Indubbi i vantaggi per l?ambiente, un dato per tutti, tale propulsore emette una percentuale di emissioni inquinanti pari al 40% in meno, rispetto ad un analogo propulsore con altro tipo di alimentazione classica.

    Dalla parte di Citroen la grande esperienza che si è fatta nel Sud America con motori al bioetanolo, pur se in poco tempo, al punto che, se nel 2006 questi propulsori rappresentavano il 65% delle vendite totali della Casa francese, adesso si può affermare che, nel volgere di appena sei mesi, dell?anno in corso, la percentuale di questi propulsori è, letteralmente, schizzata all?80% .