Motor Show Bologna 2016

Citroen CXperience Concept 2016: l’ammiraglia del domani [FOTO]

Citroen CXperience Concept 2016: l’ammiraglia del domani [FOTO]

Si anticipa il futuro dell'alto di gamma della casa francese

da in Anteprima auto, Anticipazioni Auto, Auto 2016, Auto nuove, Berline, Citroen, Concept Car
Ultimo aggiornamento:

    Citroen CXperience Concept è stata svelata per la prima volta al Salone di Parigi 2016 e questo prototipo vuole dimostrare a tutto il mondo la capacità del marchio di essere diverso dagli altri, di seguire una strada tutta sua e di non voler seguire la massa. É una berlina lunga 4,85 metri che tenta di portare qualcosa di nuovo in una fascia di mercato abbastanza complicata, dominata dalla concorrenza tedesca e dove la Citroen non è mai riuscita più di tanto ad imporsi.

    In un segmento dove regna il design conservativo, la Citroen CXperience Concept porta nuovi stilemi, personali e distintivi, di sicura rottura con l’attuale panorama. Disegnata dal centro stile Citroen di Vélizy, poco fuori Parigi, si contraddistingue per un frontale molto aggressivo, con poche prese d’aria (quelle inferiori restano chiuse, ma possono essere aperte quando serve), fatta eccezione per la sottile mascherina che unisce tra di loro i fari. Al lati della fascia paraurti ci sono dei fari a LED direzionali che costituiscono una firma luminosa unica nel suo genere. La tinta della carrozzeria si chiama “Mizuiro” ed è un verde acqua madreperla, enfatizzato dai grossi cerchi in lega da 22 pollici con disegno a 5 razze e vernice bicolore. Dietro il lunotto è concavo, proprio com’era sulla vecchia Citroen C6, e c’è un spoiler mobile nella parte inferiore del vetro che migliora l’efficienza aerodinamica. L’assenza di un terzo volume a sbalzo mitiga piuttosto bene la lunghezza di 4,85 metri, facendo sembrare la CXperience più compatta di quanto non sia in realtà. Le dimensioni? Della lunghezza abbiamo detto, mentre l’altezza è di appena 1,37 metri, con un generoso passo di 3 metri. La larghezza di 2 metri assicura un’ottima abitabilità interna.

    L’abitacolo della Citroen CXperience Concept è ispirato al mondo dell’architettura, della decorazione e dell’arredamento, e si presenta con uno stile minimal contemporaneo. Oltre al volante ad una sola razza, richiamo alla storia del marchio, la plancia flottante è lavorata in senso orizzontale: si presenta in 3 dimensioni, come un tubo tagliato e scolpito che si prolunga dalla porta posteriore destra alla porta posteriore sinistra in un unico elemento. I sedili sono rivestiti da un tessuto giallo con effetto trapuntato; gli schienali sono lavorati, come la plancia, in un elegante legno di noce chiaro. Gli appoggiatesta anteriori e posteriori dispongono di due altoparlanti, un subwoofer e microfoni integrati: in pratica delle “bolle sonore” in cui ciascuno può decidere con chi vuole comunicare. A meno che non preferisca isolarsi per ascoltare della musica, ovviamente. Il display panoramico da 19” in formato 16/3 è il vero protagonista della plancia: l’infotainment permette a chiunque di navigare e di ottenere informazioni sul percorso, di scegliere la propria musica o di vedere film.

    Con il programma Citroen Advanced Comfort, che ha guidato la progettazione della CXperience, Citroen rivisita i codici del comfort, aggiungendovi la sua visione moderna e tutto il suo know-how. Da sempre la casa francese fa del comfort uno dei suoi valori chiave e questa caratteristica, come oggi, sarà distintiva anche nel futuro. Le asperità della strada sono filtrate da un modulo evoluto di sospensioni con smorzatori idraulici progressivi. All’interno, tutto è stato progettato per agevolare il benessere del corpo, in particolare i sedili, che sono l’elemento con il quale il corpo dei passeggeri è più a contatto. Le sedute ampie e avvolgenti offrono una morbidezza ed un contenimento unici, grazie alla memory foam. Anche la cura della luminosità, che rientra nel programma Citroen Advanced Comfort, contribuisce al benessere percepito a bordo. Il guidatore può, poi, contare sull’head-up display, che permette di non dover distogliere lo sguardo per tenere d’occhio le informazioni utili alla guida.

    Sotto a questo stile unico si nasconde un’architettura ibrida plug-in basata su di un motore a benzina (con potenza fino a 200 CV), accoppiato ad un modulo elettrico da 80 kW di potenza massima. Può affrontare l’ambiente urbano in modalità 100% elettrica con un’autonomia massima di 60 km e limitare i consumi su strada utilizzando i due tipi di energia nelle accelerazioni successive. In autostrada, il motore termico raccoglie il testimone per offrire le adeguate prestazioni, con una potenza complessiva che può raggiungere i 300 CV. La Citroen CXperience Concept dispone di una batteria da 13 kWh che può essere ricaricata in tempi brevi: la carica completa richiede 4 ore e 30 minuti con un dispositivo di ricarica standard oppure meno di 2 ore e 30 minuti scegliendo la ricarica ultra facile, utilizzando un caricabatteria da 6,6 kW compatibile con una presa 32 A. Il cambio automatico elettrico ad 8 rapporti è posizionato trasversalmente tra il propulsore termico ed il motore elettrico, mentre il pacco batterie trova posto sotto l’abitacolo per non compromettere l’abitabilità ed il volume del bagagliaio.

    886

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Anteprima autoAnticipazioni AutoAuto 2016Auto nuoveBerlineCitroenConcept Car

    Motor Show Bologna 2016

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI