Motor Show Bologna 2016

Citroën Jumpy: nuova generazione, grande versatilità

Citroën Jumpy: nuova generazione, grande versatilità
da in Citroen, Veicoli Commerciali
    Citroën Jumpy: nuova generazione, grande versatilità

    Arriva la nuova generazione del Citroën Jumpy. Il celebre veicolo commerciale leggero della casa francese si presenta con una nuova piattaforma e tre varianti di carrozzeria con altrettante lunghezze differenti. L’altezza rimane compatta per un facile accesso ai parcheggi. Troviamo la consueta versatilità, poi molti aggiornamenti meccanici e tecnologici.
    Il nuovo Jumpy sfrutta l’architettura modulare EMP2 del gruppo PSA, dotata di appositi rinforzi. Il massimo carico sostenibile è di 1.400 Kg. Può trainare un rimorchio di massa fino a 2,5 tonnellate.
    Cominciamo dalle dimensioni. Sono disponibili due diversi passi, da 2,92 e 3,27 metri, così come due sbalzi posteriori, da 0,80 e 1,15 metri. Queste combinazioni permettono di ottenere tre diverse lunghezze complessive: la XS da 4,60 metri associata al passo corto, poi la M da 4,95 m e la XL da 5,30 metri, entrambe associate al passo lungo. I volumi di carico sono di 5,1, 5,8 e 6,6 metri cubi. L’altezza raggiunge 1,90 metri su XS e M, 1,93 su XL.

    Tre configurazioni di carrozzeria, dicevamo. Il furgone è proposto nelle tre lunghezze sopra descritte; ha due allestimenti disponibili, Comfort e Club. C’è poi il pianale cabinato, adatto specialmente per ricavare veicoli frigoriferi. Troviamo infine il Combi, anch’esso in tre lunghezze, per la funzione di trasporto persone.

    Vediamo la versatilità. La struttura chiamata Moduwork dispone di una parete di separazione specifica; inoltre il sedile passeggero laterale in posizione rialzata consente di mantenere il pianale piatto, quindi completamente sfruttabile. Il bracciolo centrale, una volta abbassato, offre un tavolino orientabile con fascia elastica, per mantenere fermi oggetti come computer o tablet. Anche la rete accessori dispone di supporti specifici per smartphone e tablet.

    Le porte laterali scorrevoli sono apribili senza chiave: se si hanno entrambe le mani occupate, basta passare un piede sotto l’angolo del paraurti posteriore per far aprire automaticamente la porta; la stessa operazione permette di chiuderla e bloccarla.

    Per aumentare la comodità a bordo, si può avere una paratia di separazione alternativa a quella tradizionale: questa è dotata di una schiuma che migliora l’isolamento termico e acustico; permette inoltre di reclinare maggiormente lo schienale del conducente.
    L’apparato multimediale e di comunicazione comprende un touch pad da 7 pollici pilotato dalla funzione Mirror Screen, per replicare gli smartphone Android ed Apple. Il sistema di navigazione Connect Nav è tridimensionale e controllabile anche tramite interfaccia vocale. E’ abbinato a servizi d’informazione come Tom Tom Traffic; tra le informazioni comprende anche la segnalazione delle zone a rischio: questo servizio, disponibile in tutti i paesi europei tranne la Svizzera, segnala l’attraversamento di zone caratterizzate da un alto numero di incidenti e pericoli.
    Il sistema Top Rear Vision invia al touch pad le immagini della retrocamera, con una vista dall’alto a 180 gradi, che ingrandisce la zona posteriore quando ci si avvicina ad un ostacolo. Disponibili anche il sistema di antipattinamento Grip Control e l’opzionale Pack Cantiere, che aumenta il carico utile, rialza di 20 mm le sospensioni e aggiunge una lastra di protezione sotto il motore.
    I motori diesel BlueHDI di nuova generazione vanno da 95 a 180 cavalli; i consumi medi dichiarati vanno da 5,1 a 5,8 litri per 100 Km.

    562

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN CitroenVeicoli Commerciali

    Motor Show Bologna 2016

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI