Come comprare l’auto nuova senza farsi imbrogliare

Altroconsumo ha pubblicato i risultati di un'inchiesta condotta presso 83 concessionarie, indicando le 10 regole d'oro da seguire per non farsi imbrogliare nell'acquisto di un'auto nuova

da , il

    Comprare l’auto nuova è spesso una scelta importante, se non necessaria. Come fare per acquistarla senza farsi “imbrogliare” dal concessionario? La maggior parte dei consumatori si affida in buona fede ai rivenditori, ma quali sono i rischi che si corrono? La rivista Altroconsumo pubblicò una lista di 10 regole d’oro per comprare sicuri, con l’obiettivo di aiutare le persone a ridurre al minimo i rischi quando decidono di acquistare un’auto nuova. Da tenere sott’occhio sono soprattutto le condizioni di vendita, le garanzie e la caparra.

    Attenzione al contratto, alla caparra ed agli optional

    Il decalogo della rivista di difesa dei consumatori prevede di far aggiungere al contratto qualsiasi richiesta o promessa del concessionario, firmando entrambi; anche l’elenco degli accessori va messo nero su bianco, specificando se sono compresi nel prezzo oppure no e, in caso negativo, scrivendo il prezzo di ognuno.

    Un altro elemento da chiarire sono i costi burocratici e di trascrizione, così come la competenza ad essi relativa; sul contratto deve essere specificata la data di consegna dell’auto. Prima di firmare, è bene leggere con attenzione il contratto e farsi rilasciare una copia integrale che compranda tutto, sia la nota d’ordine che le condizioni particolari.

    Per quanto riguarda la caparra per un’auto nuova, l’acconto va contrattato, per quanto possibile: il 10% è un buon valore, mentre il 25% del prezzo totale è eccessivo. In ogni caso, prima di pagare accertarsi che la vettura consegnata abbia tutte le indicazioni richieste come indicate nel contratto precedentemente integrato e sottoscritto. Se la macchina non corrisponde a quella che avete ordinato o potete concordare uno sconto, oppure potete pretendere che il concessionario ne ordini un’altra con le caratteristiche da voi richieste sul contratto originale.

    E parlando di prezzo di acquisto di un’auto nuova, un altro discorso importante da aprire è quello relativo al finanziamento. Mentre un tempo erano ancora abbastanza diffusi gli acquisti “cash”, oggi è raro che non si faccia un finanziamento per l’acquisto di una nuova vettura. In questo senso, quindi, è bene fare attenzione a quelli che sono i vari tassi relativi al prestito e, soprattutto, verificare le effettive promozioni. In che senso? Spesso le case pubblicizzano una data promozione solo in abbinamento ad un finanziamento, che, però, con i suoi tassi di interesse potrebbe completamente annullare il vantaggio economico dello sconto. Fate bene i vostri conti, insomma.

    Garanzia ed assicurazione

    La garanzia ha decorrenza a partire dal momento della consegna, non del pagamento. É dunque importante farsi rilasciare una ricevuta che specifichi la data in cui si è ritirata la vettura. E in caso di ritardo della consegna, chiedete al concessionario di offrire un’auto di cortesia. Infine, non vanno firmate polizze incendio/furto senza aver prima fatto confronti con altre assicurazioni.

    Queste regole sono state stilate da Altroconsumo al termine di uno studio condotto presso 83 concessionari di Milano, Roma e Napoli. L’80% si è rifiutato di consegnare le condizioni di vendita prima della vendita; l’88% non ha mostrato le condizioni della garanzia; il 16% ha proposto spontaneamente una polizza incendio/furto; la caparra media è risultata del 15%.